AC Ace RS, la Casa inglese celebra il motore a scoppio

Con una riedizione di un modello storico AC saluta l'era del petrolio preparandosi alla nuova era elettrica della mobilità

13 Ottobre 2021

Andrea Spitti - Autore

L’era della mobilità elettrica si sta sempre più affermando. Ad essa sta cedendo il passo quella della mobilità a petrolio, che oggi è visto come brutto, sporco e cattivo, ma che ha quotidianamente segnato le vite di tutte le persone che fino a oggi dovevano muoversi.

AC Cars vuole rendere omaggio a quest’epoca in cui il motore a scoppio ha segnato le nostre vite con un modello speciale, la AC Ace RS, che verrà lanciato a breve. La AC Ace è una fiera rappresentante dell’epoca del motore a combustione, una vettura sportiva e leggera presentata nel 1961 che nel corso degli anni ha subito una sorta di venerazione da parte degli appassionati.

La Ace originale rappresentava l’archetipo dell’auto sportiva inglese: veloce, leggera e agile. Un vero classico della sua generazione che ha ispirato una delle vetture più iconiche della storia, la AC Cobra.

La nuova AC Ace RS possiede tutte le qualità del modello originale, che ricalca fedelmente nell’aspetto e nei dettagli. Ne aggiunge però altre grazie a un pacchetto aggiornato che mantiene le sensazioni che chiunque si aspetta da un veicolo che pesa meno di 1.000 kg.

Al centro delle performance eccezionali della AC Ace RS è il nuovo e leggero motore 4 cilindri a benzina da 2,3 litri. La sua potenza massima di 355 CV si unisce ai 440 Nm di coppia per un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 5,8 secondi.

L’amministratore delegato di AC Cars, Alan Lubinsky, ha commentato così: “La nuova AC Ace RS potrebbe essere l’ultimo nuovo modello AC con il motore a benzina. Quasi tutti i modelli della nostra gamma attuale offrono già una motorizzazione elettrificata in quanto alla AC vogliamo guidare il passaggio dell’industria di auto sportive in un territorio più verde”.

Gli ordini per la AC Ace RS sono già aperti a partire da circa 105.000 euro. Le prime consegne sono previste per l’estate del 2022.

Lascia un commento