È Gran TurismO la versione restomod di Ferrari 288 GTO

Il V8 da 2,9 litri è ora il 30 percento più piccolo di quanto non fosse originariamente

5 Settembre 2022

Redazione - Autore

Dopo la Ferrari 308 in chiave restomod, Maggiore mette le mani su un’altra icona del cavallino rampante, la mitica 288 GTO, rinominata Gran TurismO. Il dettaglio più importante di questo nuovo progetto è ovviamente il motore. Il V8 turbo da 2,9 litri è stato completamente modificato. Il basamento originale è stato mantenuto, ma ci sono nuove teste, otto singoli corpi farfallati, un nuovo intercooler, un collettore d’aspirazione in fibra di carbonio e turbocompressori sequenziali.

Più compatto e leggero

Maggiore afferma che il V8 da 2,9 litri è ora il 30 percento più piccolo di quanto non fosse originariamente, secondo Piston Heads. Ciò significa che ora può essere installato longitudinalmente all’interno dell’auto (invece di essere installato trasversalmente, come era originariamente, ad esempio, nella 308 GTS in formato aspirato).

Ciò dovrebbe aiutare a migliorare le caratteristiche di guida, così come la potenza. Secondo Top Gear il risultato di tutte queste modifiche ha generato 536 CV. Mentre per Piston Heads in realtà supera i 600 CV, inviati alle ruote posteriori attraverso una trasmissione manuale a sei velocità. I cambiamenti sono stati apportati sotto l’occhio vigile di Nicola Materazzi.

Per capire l’importanza di quel nome, bisogna sapere che il V8 Ferrari da 2,9 litri in realtà iniziò la sua vita come motore da corsa V6 progettato da Alfredo “Dino” Ferrari. Dopo essere stato utilizzato in alcune vetture stradali, ha guadagnato altri due cilindri negli anni ’80 e, infine, è stato turbocompresso da Materazzi e inserito nella 288 GTO e non solo.

Purtroppo Materazzi è morto questo mese, pochi giorni prima che l’auto fosse presentata. Gianluca Maggiore, titolare dell’azienda, ha detto che il suo più grande rammarico è di non aver potuto “condividere questo momento” con il leggendario ingegnere.

Non solo cavalli

Naturalmente il restomod della 288 GTO non si è concentrato solo sul motore. Maggiore regala alla vettura una carreggiata più ampia, freni Brembo e sospensioni in Ergal, una lega di alluminio sviluppata per l’industria aerospaziale.

Quello che resta dell’auto del donatore (qualsiasi membro della famiglia Ferrari 208/308/328) è “completamente restaurato e rinforzato per resistere ai nuovi livelli di stress”. Nessun prezzo è stato ancora rivelato e nessuna data fissata per l’inizio della produzione, ma Maggiore pensa che la fine del 2023 sarebbe un buon momento per iniziare.

Lascia un commento