La Volvo 242 con il 5 cilindri Audi sotto al cofano

Victory Auto Design di Dave DelTorto ha riportato in vita una malmessa Volvo 242 con una serie impressionante di modifiche

2 Aprile 2022

Redazione - Autore

Anche se la modifica principale si trova sotto al cofano, anche quando quest’ultimo è chiuso è abbastanza evidente che questa Volvo 242 sia un’auto molto interessante. Attira l’attenzione per alcune modifiche estetiche discrete e non con stravolgimenti esagerati. E tutti trovano una giustificazione con ciò che si trova sotto al cofano: un motore 5 cilindri Audi.

La vettura è opera di Dave DelTorto di Victory Auto Design. “Volevo solo realizzare un’auto strana”, confida a SpeedHunters (da cui arriva il servizio fotografico). Dave è un meccanico praticamente da sempre e ha acquisito la sua sensibilità lavorando per molti anni su veicoli BMW, Audi e Porsche. Da hobby nel suo garage domestico, questa passione è diventata un lavoro con Victory Auto Design.

Sia il padre che lo zio di Dave lavoravano per Volvo. Tuttavia la prima auto di Dave fu una Saab, su cui ovviamente mise le mani prima di passare alle BMW e interessarsi parallelamente alle Audi. Fu in questo momento che cominciò ad apprezzare in particolar modo il 5 cilindri turbo 20 valvole di Audi.

Più adatto di un motore Volvo

I puristi di Volvo, quando hanno visto questa 242, hanno ricordato a Dave che esisteva un 5 cilindri turbo prodotto dalla Casa svedese, ma il propulsore di Audi si è dimostrato più versatile per questa vettura. Il 2,2 litri dei quattro anelli è riuscito ad arrivare a 430 CV dopo la messa a punto del sistema di gestione del motore Entron kv8. L’estremità superiore del propulsore presenta un treno di valvole Ferrara, mentre il blocco ospita ora pistoni forgiati JE e bielle Auto Verdi Racing.

Un turbo Holset da 62 mm con westgate TiAL da 38mm si trova sul lato caldo, con un collettore di aspirazione personalizzato messo sul lato conducente del motore. Troviamo anche un intercooler personalizzato e un tubo di scarico da 3,5” che termina in un’uscita da 3”. In ogni fase della realizzazione, è stata prestata attenzione a rendere ogni interazione migliore della precedente.

Anche il sistema di alimentazione è stato considerevolmente migliorato. Il pozzetto dov’era alloggiata la ruota di scorta è stato rimosso, permettendo di posizionare un serbatoio universale da 45 litri. A sinistra c’è un serbatoio di compensazione alimentato da due pompe Bosch Motorsport 044, con linee di alimentazione -8AN che corrono su una linea del carburante 034 Motorsport e iniettori da 1.000 cc. La linea di ritorno è -6AN e il tutto è gestito da un regolatore di pressione carburante Turbosmart.

Nella prova al banco, il motore è stato accoppiato a una trasmissione ZF danneggiata di BMW, ma l’entità del danno è diventata evidente solo nel momento in cui l’auto si è mossa, il che ha limitato la potenza finale. Quindi Dave ha montato una nuova trasmissione ZF 310 con un volano 034 Motorsport, spingidisco Sachs 707 e una frizione a 6 dischi. Un albero di trasmissione personalizzato arriva a un assale posteriore Ford a 31 scanalature da 8,8”.

Non solo potenza

Le Volvo degli anni ‘80 e ‘90 sono sempre state piuttosto caratteristiche nel loro aspetto. Ricordando dei mattoni, la semplicità e la sobrietà hanno guidato le modifiche estetiche della Volvo 242. L’auto era tutt’altro che immacolata quando è stata acquistata da Dave. La ruggine aveva intaccato la maggior parte dei pannelli e riportare la carrozzeria alle condizioni attuali è stata una vera battaglia.

I paraurti sono stati sostituiti con unità in plastica e, prima di riverniciare la vettura, i passaruota sono stati allargati di 5 centimetri su ciascun lato. Ciò ha permesso alla Volvo 242 di ospitare ruote Wedsport TC105X da 17×9”. Dave ha poi ulteriormente aumentato le dimensioni degli pneumatici per migliorare la manovrabilità e dare alla vettura un aspetto maggiormente ispirato al DTM.

Dietro ai cerchi, le sospensioni combinano parti provenienti da diverse aziende. BNE ha fornito la conversione coilover, mentre le molle sono di Eibach. Le piastre del camber sono di Gound Control e i perni anteriori accorciati e rinforzati si prendono cura del camber e dell’angolo di sterzata. La cremagliera dello sterzo di una BMW E46 è stata montata su un telaio ausiliario personalizzato dotato di bracci di controllo tubolari su ciascuna estremità. Anche le barre antirollio e il findorzo del montante anteriore sono realizzati su misura. Nel posteriore, Viking Fabrications ha modellato i bracci di controllo inferiori regolabili e BNE ha fornito le boccolo sferiche dell’asse, le barre di torsione superiori e la barra Panhard.

Koni ha fornito la giusta dose di smorzamento mentre per l’aggiornamento dei freni si sono utilizzati quelli montati di serie dalla Volvo S60R.

Dentro al mattone

Dimenticatevi i classici poggiatesta di Volvo. Qua i sedili originali sono stati sostituiti da due sedute Recaro: Profi per il conducente e Pole Position per il passeggero. Le cinture di sicurezza a 6 punti Willans sono fissate alla mezza gabbia di sicurezza.

Un semplice volante Nardi a tre razze è posizionato davanti al display Plex, mentre le portiere sono state rifinite con pannelli neri personalizzati. Riscaldamento e aria condizionata sono stati rimossi, rendendo l’auto utilizzabile solo con climi temperati, sebbene Dave la guidi per quanto possibile anche nella stagione fredda.

Volvo 242 by Victory Auto Design – Le foto

15 Immagini

Lascia un commento