Home » News e novità auto » Microlino, la Isetta elettrica del nuovo millennio

Microlino, la Isetta elettrica del nuovo millennio

Forse non è un caso che la Microlino sia stata presentata proprio all’IAA di Monaco. La città bavarese è infatti la casa della BMW, il marchio che a metà degli anni ‘50 rese famosa nel mondo la Isetta.

Ma la piccola vettura con il portellone anteriore nacque un paio d’anni prima, nel 1953, a Bresso grazie alla Iso. E anche la nuova Microlino, che alla Isetta si ispira in modo esplicito, ha radici italiane: verrà prodotta a Torino dalla Micro Mobility System in collaborazione con Cecomp.

E il prezzo sarà molto interessante per una vettura elettrica: circa 12.500 euro. La capacità di produzione sarà di circa 7500 veicoli all’anno, con la possibilità di incrementarla ulteriormente se fosse necessario.

Isetta docet

La caratteristica più evidente della Microlino è l’accesso frontale all’abitacolo, attraverso il portellone anteriore: si apre premendo un bottone che fa uscire una maniglia. Gli interni offrono uno spazio sorprendente se paragonato con le dimensioni esterne della vettura. Il piantone dello sterzo è fisso e non più connesso alla porta. I sedili sono confortevoli ed ergonomici.

Il nuovo cruscotto è formato da un doppio display con funzioni touch e permette di controllare e visualizzare tutte le informazioni più rilevanti.

Offerta con tre diversi tagli di batteria per un’autonomia fino a 230 km, Micro ha deciso di lanciare la Microlino in tre diverse edizioni, ognuna con una personalità ben chiara. La prima è la Urban, più basica e pratica, la Dolce, con tocchi retrò stile Dolce Vita, e la Competizione, con uno stile moderno e futurista.

Micro Microlino scheda tecnica

Velocità massima90 km/h
0-50 km/h5 secondi
Potenza nominale12,5 kW
Potenza massima19 kW
Coppia118 Nm
Autonomia95 / 175 / 230 km
Batterie6 / 10,5 / 14 kWh
Tempo di ricarica (0-80%)4 / 3 / 4 ore
Tipo di batteriaIoni di litio
Peso a secco435 kg (batteria esclusa)
Posti 2
Bagagliaio230 litri

Micro Microlino – Le foto