Home » News e novità auto » Toyota 1GZ-FE, storia dell’unico V12 di serie del Giappone

Toyota 1GZ-FE, storia dell’unico V12 di serie del Giappone

Dimenticato da molti, il Toyota 1GZ-FE è stato il primo e unico V12 prodotto in serie in Giappone. Ma a che auto era destinato? E quali sono state le sue sorti?

Prima di addentrarci nei dettagli del dodici cilindri, è interessante ricordare come la storia del motore sia iniziata nel 1967. Quando Toyota decise di introdurre una nuova berlina di lusso full-size costruita per celebrare i 100 anni dalla nascita del suo fondatore, Sakichi Toyoda.

Incarnazione della cultura giapponese e dell’eccellenza ingegneristica, la Century divenne il veicolo scelto dai membri della famiglia reale, dagli alti funzionari del governo e dai più illustri uomini d’affari del Paese. Da allora e per i successivi 30 anni è stata continuamente migliorata, fino a giungere alla prima grande riprogettazione, nel 1997.

A quel punto Toyota era diventata uno dei più grandi nomi al mondo dell’industria automobilistica, e nessuna spesa fu risparmiata per lo sviluppo della nuova Century.

La nuova Toyota Century

A differenza della prima generazione, che era basata su un modello esistente (la Crown Eight), questa variante fu progettata da zero, e quasi ogni componente fu concepito appositamente per essa. Sebbene la carrozzeria non presentasse nulla di particolarmente impressionante, le cose erano ben diverse sotto il cofano.

Gli ingegneri avevano infatti il compito di sviluppare un’unità efficiente e scorrevole che avrebbe altresì assicurato un livello di affidabilità senza precedenti. Così, piuttosto che costruire sulla ricetta di successo del V8 1UZ-FE della Lexus LS400, predisposero il primo V12 prodotto in serie in Giappone.

A prima vista, il 5.0 litri, tutto in alluminio, 48 valvole, quad-cam, poteva non sembrare niente di speciale. Tuttavia, Toyota si è fatta un nome grazie alla sovra-ingegnerizzazione dei suoi propulsori, e questo lavoro non faceva certo eccezione.

Il blocco rinforzato è stato progettato con un angolo di 60 gradi tra le due bancate, ed è stato dotato di un albero a gomiti in acciaio forgiato, completamente contrappesato e tenuto in posizione da alberi principali a sei bulloni. L’architettura del blocco e della manovella era ispirata dalla parte inferiore della 1UZ-FE derivata dalle corse. Le bielle erano asimmetriche e fatte di acciaio forgiato, mentre i pistoni erano costruiti in lega di alluminio.

Il Toyota 1GZ-FE

Per migliorare ulteriormente la scorrevolezza e l’efficienza, le teste dei cilindri erano state dotate di camere di combustione oblique, candele all’iridio e la tecnologia VVT-i (Variable Valve Timing-intelligent).

Per certi versi, questo motore era una combinazione di due sei cilindri che condividevano un sistema di manovella comune. Aveva collettori di aspirazione dedicati a sinistra e a destra, corpi farfallati indipendenti e sistemi di iniezione del carburante. Ogni bancata era controllata da una ECU separata, permettendo al 1GZ-FE di spegnere completamente una delle bancate in caso di un guasto grave e continuare a funzionare con gli altri sei cilindri.

Con il suo rilascio, i produttori giapponesi rispettavano ancora il gentleman’s agreement della metà degli anni ’70 che limitava la potenza a 276 CV. Detto questo, il 1GZ-FE era valutato a 276 cavalli con 481 Nm massimi di coppia che poteva inviare alle ruote posteriori, con 1.200 rpm e un peso di 2.050 kg.

I vantaggi del propulsore

Ciò di cui il motore era carente in termini di potenza, era più che compensato in termini di fluidità. Ad ogni modo, il propulsore ha mostrato il suo vero potenziale una volta che i giapponesi hanno iniziato a montarlo sulle loro auto personalizzate.

A causa del suo design dual-ECU non era certo semplice da modificare, ma alla fine è stato molto apprezzato per sviluppare setup personalizzati. In molti casi, il dodici cilindri veniva alesato, dotato di interni 2JZ e teste personalizzate per arrivare tra i 500 e i 600 CV di potenza.

Naturalmente, alcuni non si sono accontentati di tre sole cifre e hanno aggiunto un kit biturbo al mix. Kazuhiko “Smokey” Nagata, il fondatore dell’azienda giapponese di tuning Top Secret, ad esempio, modificò un 1GZ-FE della Top Secret Supra per dotarla di almeno 1.000 CV di potenza…

Toyota Century (1GZ-FE) – Le foto