ZF punta all’intelligenza artificiale per la validazione degli ADAS

Il fronte della guida assistita prosegue senza sosta nella sua evoluzione, come dimostrano le novità tecniche promosse da ZF

2 Luglio 2021

Redazione - Autore

Non è solo l’elettrificazione che sta “spingendo”, ma pure il fronte della guida autonoma non è da meno. ZF infatti sta accelerando sulla validazione e l’omologazione degli ADAS con dati e Intelligenza Artificiale.

Tale progetto ha un nome abbastanza esplicito: ADAS.ai. Nasce per supportare i costruttori nel velocizzare lo sviluppo di sistemi avanzati di assistenza alla guida per autovetture e veicoli commerciali e industriali. L’ADAS.ai di ZF può essere applicato a sistemi ADAS sviluppati da ZF così come da altri fornitori.

Il nuovo sistema ZF

Dal punto di vista tecnico sono due le innovazioni principali: la prima si riferisce ad un set di dati sincronizzati multisensore ad altissima risoluzione, raccolti in ogni condizione di guida e di percorrenza, necessari per convalidare sistemi ADAS di Livello 2+ a livello globale; mentre la seconda è una tecnologia AI proprietaria sviluppata con Cognata di Rehovot, Israele, che trasforma il set di dati ad altissima risoluzione “come se fossero visti” in input di sensori da nuovi sensori in nuove applicazioni di veicoli.

ADAS.ai è basato su cloud ed è progettato abbattere i costi di sviluppo rispetto ai tradizionali processi di ingegnerizzazione e di validazione basati su test drive fisici e sulla tecnologia di simulazione esistente. Qui i dati derivati dalla guida nel mondo reale vengono inseriti in molteplici punti nelle fasi di ingegnerizzazione e validazione, in modalità “virtuale”.

“Utilizziamo i dati del mondo reale in un approccio end-to-end perché sappiamo cosa cercano i nostri clienti e gli organismi regolatori”, afferma Christophe Marnat, Executive Vice President, Electronics and Advanced Driver Assist Systems Division. “Con il nostro approccio, un costruttore non ha bisogno di legioni di collaudatori né investimenti di milioni di euro per progettare e validare in sicurezza. Uniamo il mondo reale e virtuale perché utilizziamo dati del mondo reale per portare avanti entrambe le modalità.”

Ha aggiunto: “La visione di ZF è di consentire l’ingegnerizzazione virtuale ADAS completa per gli ADAS di tutti i fornitori di primo livello. I costruttori chiedono che le caratteristiche ADAS siano come quelle legate ai Crash Test – totalmente validate in modo digitale prima che il primo prototipo sia costruito, e ZF ha la tecnologia per renderlo possibile.”

Il pacchetto ADAS.ai Digital Engineering e Validation di ZF può ridurre tempi e costi fino al 20%. ZF e Cognata uniscono il mondo reale e virtuale grazie all’integrazione degli algoritmi di Cognata, tra i leader nell’applicazione dell’Intelligenza Artificiale alla Guida Automatizzata e agli ADAS. In qualità di maggior produttore mondiale di telecamere anteriori, ZF possiede una vasta esperienza nella tecnologia hardware e software per gli ADAS, nella validazione specifica e nello sviluppo della documentazione necessaria per ottemperare alle normative internazionali.

Questa esperienza e competenza combinate con la piena capacità di backend e l’intelligenza artificiale avanzata creano un processo efficiente e veloce che cambierà il modo in cui i sistemi ADAS vengono portati sul mercato. “La nostra priorità è la sicurezza e l’affidabilità della tecnologia ADAS di oggi e del futuro e il nostro pacchetto per l’ingegnerizzazione e la validazione lo riflette, perché non si basa sulla simulazione ma sui dati di guida del mondo reale raccolti in seguito a centinaia di migliaia di chilometri percorsi in tutto il mondo. ZF sa cosa serve per mettere un sistema ADAS in un veicolo su strada,” afferma Marnat.

Lascia un commento