GP Turchia

Istanbul Park - IN ATTESA DI CONFERMA
(5.338 km | 58 giri | 14 curve)
Giro record: 1:24.770 di Juan Pablo Montoya - McLaren (2005)

Libere 1
Ven 8 Ottobre 11:30
Libere 2
Ven 8 Ottobre 15:00
Libere 3
Sab 9 Ottobre 12:00
Qualifiche
Sab 9 Ottobre 15:00
Gara
Dom 10 Ottobre 15:00
Ultimo aggiornamento 27 Settembre 2021

Franco Dei Cas - Autore

Il GP di Turchia entra a far parte del calendario di Formula dalla stagione 2005 al 2011. A causa della cancellazione di numerose gare il tracciato è tornato a far parte del mondiale nel 2020. Nel 2021 è di nuova subentrato in sostituzione del GP del Canada.

Nonostante si tratti di un tracciato apprezzato da piloti e tifosi la sua cancellazione dopo il 2011 fu dovuta prettamente a motivazioni economiche. Con il governo turco che riteneva troppo costose le richieste di Bernie Ecclestone per il rinnovo del contratto.

Ideato da Hermann Tilke è uno dei pochi circuiti di Formula 1 dove si corre in senso antiorario, così come il GP del Brasile ad Interlagos e di Abu Dabhi. Una delle più famose parti del tracciato è la curva 8 che è caratterizzata da quattro apex che si percorrono in velocità. Altre curve si ispirano ad altri celebri circuiti come la curva 1 che è un cavatappi come a Laguna Seca. E lo snodo in salita sul secondo rettilineo soprannominato “Faux Rouge” vista la somiglianza con la famosa sezione di SPA.

Nella sua prima parte di storia il tracciato era uno dei favoriti di Felipe Massa, l’allora pilota Ferrari detiene ancora ad oggi il record di tre vittorie, tutte di fila tra il 2006 e il 2008. Mentre la gara del 2020 è stata vinta da Lewis Hamilton su Mercedes. Con il GP del 2020 in condizioni di bagnato il record della pista è ancora di Juan Pablo Montoya che ha segnato un tempo di 1:24.770 nel 2005 con la McLaren.

Ultimi articoli che parlano di questo circuito