Certificato Anamnestico Patente: costi, durata e come richiederlo

Che cos'è il certificato anamnestico della patente, quali sono le sue caratteristiche, come si richiede e quanto costa.

3 Marzo 2022

Roberto Rais - Autore

Il certificato anamnestico patente è un documento che attesta l’idoneità psico-fisica di un soggetto in vista del rilascio della patente di guida.

Il certificato anamnestico è rilasciato da un medico abilitato dopo una visita: è obbligatorio sia in fase di conseguimento che in fase di rinnovo del documento.

Ma come si ottiene il certificato anamnestico della patente? Quanto costa? Quanto dura?

Cos’è il certificato anamnestico della patente?

In primo luogo, ricordiamo che il certificato anamnestico è un documento emesso da medici autorizzati, finalizzato ad attestare la presenza dei requisiti fisici e psichici che, nel nostro caso, sono necessari per la guida di un veicolo.

Lo scopo del certificato anamnestico è dunque quello di attestare che la persona che intende conseguire o rinnovare la patente sia in grado di farlo sotto il profilo medico, e che dunque non soffra di patologie e altre condizioni che potrebbero determinare un pericolo durante la guida del mezzo. Si pensi, per esempio, alla dipendenza da alcol o sostanze stupefacenti e, più in generale:

  • diabete mellito
  • problemi cardio-circolatori
  • epilessia
  • patologie uro-genitali
  • patologie del sangue
  • malattie articolati
  • patologie psichiche
  • patologie neurologiche
  • malattie endocrine
  • problemi alla vista
  • dipendenza da alcol e droghe.

Esecuzione di trapianto d’organo (deve essere indicata la data dell’esecuzione del trapianto e lo stato di salute dell’individuo al momento della redazione del certificato anamnestico). Attenzione, però. Anche nel caso in cui la persona soffra di una di queste patologie, non significa che si veda preclusa la patente di guida ma che, forse, potrebbero essere necessari controlli periodici aggiuntivi o potrebbero essere stabilite delle scadenze diverse da quelle ordinarie.

La certificazione anamnestica era obbligatoria in passato ed è stata reintrodotta con la l. n. 120/2010, in vigore dal 13 agosto 2010, che sancisce che:

Ai fini dell’accertamento dei requisiti psichici e fisici per il primo rilascio della patente di guida di qualunque categoria, ovvero di certificato di abilitazione professionale di tipo KA o KB, l’interessato deve esibire apposita certificazione da cui risulti il non abuso di sostanze alcoliche e il non uso di sostanze stupefacenti o psicotrope, rilasciata sulla base di accertamenti clinico-tossicologici le cui modalità sono individuate con decreto del Ministero della salute, di concerto con il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, sentito il Dipartimento per le politiche antidroga della Presidenza del Consiglio dei ministri.

Come richiedere e ottenere il certificato anamnestico

Il certificato anamnestico può essere ottenuto attraverso:

  • medico di base
  • medico legale dell’Asl territoriale di appartenenza
  • medici del Ministero della Sanità
  • medici militari, della Polizia di Stato e dei Vigili del Fuoco
  • ispettori medici delle Ferrovie dello Stato.

In caso di rinnovo della patente, il certificato viene invece compilato e firmato dal richiedente. Si tratta dunque di un’autocertificazione del proprio stato di salute, sottoscritto in presenza del medico certificatore.

I costi del certificato anamnestico

I costi del certificato anamnestico dipendono dal medico a cui si rivolge per l’ottenimento del documento.

Per quanto concerne per esempio il ricorso al medico di base, tale procedura è certamente quella più facile e più veloce, oltre che – però – mediamente più costosa. È sicuramente più economico il ricorso al medico di altre strutture, come quelle delle Asl territoriali.

Sinteticamente, nel caso di certificato rilasciato dal medico di base, il costo si aggira tra i 50 e i 100 euro. Se invece si preferisce ricorrere al servizio dei medici della Asl, il costo sarà intorno ai 20 – 30 euro, oltre alla marca da bollo da 16 euro da apporre sul documento.

Nel caso in cui invece si preferisca ottenere il certificato dai medici del Ministero della Sanità, invece, bisognerà versare 30 euro sul conto corrente dell’USMAF, 10,20 euro sul conto corrente del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, 16 euro sul conto corrente del Dipartimento dei Trasporti Terrestri.

Durata del certificato anamnestico della patente

Il certificato anamnestico della patente ha una durata di 90 giorni a partire dalla data del rilascio.

FAQ – Domande frequenti

Abbiamo di seguito riepilogato le risposte ad alcune delle domande più frequenti sul tema.

Quanto costa un certificato anamnestico patente?

Il costo del certificato anamnestico della patente dipende dal medico che lo rilascia. Il costo si aggira, in linea di massima, tra i 30 e i 150 euro.

In cosa consiste la visita per il certificato anamnestico?

La visita anamnestica consiste nelle verifiche delle condizioni psico-fisiche del soggetto, finalizzate a comprendere se sia o meno in grado di condurre il veicolo a motore in sicurezza.

Quale medico può rilasciare il certificato anamnestico?

Possono rilasciare il certificato anamnestico:

  • medico di base
  • medico legale dell’Asl territoriale di appartenenza
  • medici del Ministero della Sanità
  • medici militari, della Polizia di Stato e dei Vigili del Fuoco
  • ispettori medici delle Ferrovie dello Stato.

Lascia un commento