Le regole per trasportare gli animali in auto

Cosa prevede il Codice della Strada per il trasporto degli animali in auto e come evitare multe e pericoli.

10 Marzo 2022

Roberto Rais - Autore

Quando si vuole viaggiare con il proprio cane o con altro animale domestico, è importante rispettare le indicazioni previste dal quadro normativo: una cautela non solamente valida per evitare le sanzioni, quanto anche e soprattutto per garantire la migliore protezione al conducente, agli occupanti e agli animali trasportati.

Ma quali sono le regole per trasportare gli animali in auto? Che cosa dice il Codice della Strada?

Il trasporto degli animali in auto secondo il Codice della Strada

A disciplinare il trasporto degli animali in auto è l’art. 169 del Codice della Strada, secondo cui “è vietato il trasporto di animali domestici in numero superiore a uno” e, in ogni caso, “in condizioni da costituire impedimento o pericolo per la guida”. È peraltro consentito il trasporto di soli animali domestici, si legge ancora nel CdS, “anche in numero superiore, purché custoditi in apposita gabbia o contenitore o nel vano posteriore al posto di guida appositamente diviso da rete od altro analogo mezzo idoneo che, se installati in via permanente, devono essere autorizzati dal competente ufficio del Dipartimento per i trasporti terrestri”.

Insomma, esemplificando:

  • possiamo viaggiare in auto con i nostri animali domestici (cani, gatti, ecc.) in un numero non maggiore di uno e se non costituiscono un pericolo per la guida o siano di impedimento per la regolare conduzione del messo
  • se invece cani e gatti sono in numero superiore a uno, è necessario custodirli in una gabbietta o in un contenitore idoneo. È possibile riporli anche nel vano posteriore, a patto che siano diviso da quello anteriore da una rete o altro dispositivo che, se permanente, dovrà essere autorizzato dal Dipartimento per i trasporti terrestri e omologato dalla Motorizzazione Civile.

Da quanto sopra dovrebbe essere chiaro che non è possibile viaggiare con animali domestici in auto se questi sono tenuti in braccio o se sono lasciati liberi di girare nell’abitacolo.

Multe per chi trasporta animali in auto in modo irregolare

La legge afferma che chi viaggi in auto con gli animali domestici in modo non conforme al quadro normativo, rischia una sanzione amministrativa che va da 78 a 311 euro.

Inoltre, alla sanzione pecuniaria occorre aggiungere anche il decurtamento di 1 punto dalla patente di guida.

Come trasportare gli animali in auto in sicurezza

Ora che abbiamo capito che cosa si rischia a non trasportare gli animali in auto senza seguire le indicazioni di legge, cerchiamo di comprendere come farlo in modo sicuro e comodo per tutti.

Come vedremo nelle prossime righe, le soluzioni sono numerose, e ogni automobilista potrà scegliere la modalità che ritiene più spendibile e opportuna per la propria specifica situazione.

Le cinture di sicurezza

Quando parliamo di cinture di sicurezza per cani non ci riferiamo, naturalmente, a quelle che si trovano già installate all’interno delle nostre autovetture. Ci riferiamo invece aimbragature che sono state realizzate appositamente per i piccoli occupanti a quattro zampe, e che possono essere facilmente agganciate alle cinture del veicolo.

In commercio ne puoi trovare di diverse versioni, che possono adattarsi a qualsiasi stazza dell’animale domestico, aiutandolo altresì ad accompagnarlo nella sua crescita.

A loro volta, queste imbragature possono essere comodamente agganciate al collare o alla pettorina, assicurando che il cane o il gatto siano contemporaneamente al sicuro e non a disagio con un meccanismo che potrebbe altrimenti risultare poco comodo per loro.

I trasportini

Uno dei modi più noti per trasportare in sicurezza i propri animali domestici sono i trasportini. Si tratta di contenitori adatti a contenere l’animale, e la cui scelta non potrà che tenere in debita considerazione la necessità che sia idoneo alla taglia del cane e del gatto.

L’animale domestico dovrà infatti potersi muovere con comfort all’interno, e poter usufruire di un costante ricambio di aria.

Le reti

Le reti costituiscono una delle opportunità di trasporto di animali domestici in auto previste dall’articolo 169 del Codice della Strada. Si tratta infatti di una griglia divisoria che può essere installata tra lo schienale dei sedili posteriori dei passeggeri e il tettuccio, al fine di creare una separazione fisica nell’abitacolo.

I divisori per auto

Oltre che le reti, l’articolo 169 del Codice della Strada ammette che si possa utilizzare anche altro accessorio per dividere l’abitacolo limitando così il movimento dell’animale nello stesso. Dunque, invece che una rete tradizionale si può scegliere una griglia separatrice o altro elemento divisorio che, se fissa, deve essere omologata regolarmente.

Trasporto animali in auto – le domande più frequenti

Nelle prossime righe abbiamo cercato di rispondere ad alcune delle domande più frequenti sul trasporto di animali in auto. Vediamole insieme.

Cosa dice la legge per il trasporto dei cani in auto?

A disciplinare le regole del trasporto dei cani in auto è l’art. 169 del Codice della Strada, che prescrive le indicazioni da rispettare per evitare sanzioni amministrative come multe e decurtazioni dei punti dalla patente.

Quanto può stare un cane in macchina?

L’art. 169 CdS non disciplina per quanto tempo un cane possa stare in macchina. Tuttavia, una cosa è certa: gli animali domestici non dovrebbero mai essere lasciati soli in auto, soprattutto in giornate particolarmente fredde o calde. È ammessa una tollerabilità di pochi minuti.

Quanti animali puoi portare in macchina?

È possibile portare un animale domestico in auto, se non costituisce pericolo per la regolare conduzione del mezzo. Se gli animali sono più di uno è necessario munirsi di appositi sistemi, come i trasportini o le reti divisorie.

Lascia un commento