Home » News e novità auto » A volte 6 ruote sono meglio di 4

Mercedes-Benz G-Klasse, Showcar G 63 AMG 6x6 aus dem Jahr 2013. Mercedes-Benz G-Class, G 63 AMG 6x6 showcar from 2013.

Non vi bastano 4 ruote? Nel corso della storia c’è chi ha provato a cambiare approccio nella progettazione delle auto. Recentemente abbiamo visto per esempio la Great Wall CyberP!ckup, show car a 6 ruote che preannuncia un modello di serie. Ma il pick up cinese non è certo il primo esempio (e con ogni probabilità non sarà nemmeno l’ultimo) di auto a 6 ruote. Ecco 5 applicazioni per usi completamente diversi tra loro.

Panther 6 (Comfort)

Stravagante è la parola che probabilmente descrive meglio la Panther 6. Tutto ciò che riguarda questa 6 ruote è sopra le righe, con l’eccezione del numero di esemplari prodotti, due, nonostante i 15 ordini annunciati al momento del lancio nel 1977. Utilizzava un motore Cadillac V8 da 8,2 litri montato in posizione centrale posteriore, sotto al tettuccio manovrabile idraulicamente. Il propulsore mandava la potenza di 600 CV all’assale singolo posteriore, mentre i due assi anteriori erano sterzanti. Le prestazioni però erano in secondo piano rispetto al comfort: si dice infatti che i viaggi a bordo di questa auto a 6 ruote fossero particolarmente piacevoli.

Range Rover SLT (Lusso)

Se un suepryacht non è abbastanza, la Range Rover SLT porta su strada il lusso tipico delle grandi imbarcazioni. Basata sul SUV inglese e offerta con tutte le opzioni di motorizzazione disponibili sul modello originario, la STL (che sta per Superyacht Land Tender) è stata lanciata allo Yacht Show di monaco del 2018 ed è stata costruita dal designer tedesco di barche di lusso T-Fotiadis.

Tyrrell P34 (Prestazioni)

È probabilmente la 6 ruote più famosa, o almeno quella che si è vista più volte in TV. La Tyrrell P34 fece scalpore in F1 proprio per l’innovativo design a doppio asse anteriore progettato da Derek Gardner, che aveva calcolato che quattro piccole ruote nella parte anteriore avrebbero offerto maggiore aderenza e una minore portanza aerodinamica. In questo modo l’auto avrebbe potuto funzionare con meno carico aerodinamico. Goodyear realizzò gli pneumatici da 10 pollici in completa segretezza e poi la P34 debuttò in gara nel GP di Spagna del 1976, vincendo poi alla sua quarta uscita in Svezia. La mancanza di sviluppo degli pneumatici pose fine alla P34 del 1977.

Mercedes G63 AMG 6×6 (Offroad)

Per guardare dall’alto al basso ogni altro SUV, la Mercedes G63 AMG 6×6 è l’auto giusta. Non solo può contare su 6 pneumatici da offroad su alttrettante ruote motrici, ma la sua altezza da terra è di 272 mm maggiore di quella della G63 normale. È anche più larga di 225 mm e più lunga di 1106 mm. Per superare ogni ostacolo ci sono cinque bloccaggi del differenziale.

Citroen CX Loadrunner (Capacità di carico)

Quando internet era ancora nel mondo della fantascienza, i giornali andavano consegnati nel modo più veloce possibile sulle lunghe distanze. Per questo compito la Citroen CX allungata e con 6 ruote era l’ideale, grazie ai suoi potenti motori diesel e alle sospensioni morbide. Per costruire la Roadrunner venne incaricato il carrozziere Pierre Tissier che realizzò un telaio personalizzato per ospitare l’asse in più. Venne quindi aggiunta una carrozzeria in fibra di vetro e la lunga wagon fu un veicolo abbastanza comune nelle notti francesi tra gli anni ‘70 e ‘80.