Cinque auto sottovalutate da comprare subito

Ci sono auto di grandi qualità che non hanno avuto il successo meritato. Se trovate una di queste auto sottovalutate non fatevela scappare

4 Giugno 2022

Andrea Spitti - Autore

Non tutte le auto hanno il successo che meritano. Ci sono modelli splendidi, dalle qualità eccezionali, che per qualche motivo non vengono notati dai clienti. La lista sarebbe davvero lunga, qui vogliamo limitarci a quelle degli ultimi anni. Ecco 5 auto sottovalutate dal 2000 in poi. Potete anche prenderlo come un consiglio per cercarle nel mercato dell’usato: farete sicuramente un buon affare.

Fiat 124 Spider

Realizzare la 124 Spider, la prima auto sportiva a trazione posteriore dagli anni ‘80, sulla base della Mazda MX-5 è stata un’idea intelligente di Fiat. L’azienda torinese ha anche il merito di aver utilizzato il suo motore Multiair da 1,4 litri con grande efficacia, anche se non riusciva a raggiungere le note alte dei motori Mazda. Possiamo dirlo: la versione Abarth della 124 Spider è una delle migliori MX-5 che si possano acquistare sul mercato!

Ferrari 612 Scaglietti

Per qualche ragione, la Ferrari 612 Scaglietti è sempre stata oscurata da altri modelli di Maranello. L’aspetto è una questione soggettiva, ma si fatica a dire che la 612 Scaglietti sia bella. Poi c’è il problema dei 4 posti, come se portare a spasso la famiglia fosse un affronto per una Ferrari. E ci si viaggia in modo magnifico, cosa che qualcuno vede come una prova che questa Ferrari ha abbandonato la sportività in favore del comfort. Ma noi non vediamo questi come problemi: vediamo una supercar a trazione posteriore e con un V12 sotto al cofano che si può acquistare a meno di 100.000 euro.

Volvo C30

Volvo C30

In bilico tra coupé e hatchback, la Volvo C30 sembrava una concept car finita sulla strada. Non faceva parte dello stesso filone dell’Audi TT, ma Volvo ha avuto il merito di aver prodotto un’interpretazione abbastanza fedele all’originale SCC Concept del 2001. La versione T5, con il suo 5 cilindri da 2,5 litri, è davvero una vettura eccezionale, ma non perdoneremo Volvo per non aver messo in produzione una versione Polestar.

Opel Insignia

Si può dire che pochissime auto sono in grado di offrire la miscela di comfort, equipaggiamenti e rapporto qualità/prezzo della Opel Insignia. Per questo è una delle auto più sottovalutate in Europa. E non capiamo come sia stato possibile che la versione Country Tourer non sia diventata una credibile alternativa all’Audi A4 Allroad.

Suzuki Kizashi

Non è perfetta, ma c’è qualcosa di molto attraente nella Suzuki Kazashi. La trazione integrale, il motore a benzina da 2,4 litri e uno stile personale sono tre ragioni per cui vi consigliamo di metterla nella vostra lista dei desideri. Se la trovate con il cambio manuale a 6 marce invece che con il CVT è ancora meglio. A circa 10.000 euro c’è da preparare il blocchetto degli assegni!

Lascia un commento