Mercato auto gennaio 2022: la crisi prosegue, ma rallenta e segna -19,3%

A tenere botta è ovviamente tutto il comparto elettrificazione e i brand dal taglio "low cost" come Dacia

2 Febbraio 2022

Cesare Cappa - Autore

Nuova anno, ma sempre stesse beghe. Il mercato di gennaio 2022 non cambia le carte in tavola. Rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, le vetture immatricolate sono scese del 19,3%. Ovvero 109.008 unità che devono raffrontarsi con le 135.142 di gennaio 2021. Un nuovo passo indietro correlato non soltanto alla crisi economica, ma pure alla mancanza di semiconduttori che continuano ad alimentare ritardi su ritardi.

Schema consolidato

Il modello che ha caratterizzato tutto il 2021, ovvero la perdita di terreno delle alimentazioni tradizionali (benzina e diesel) sta definendo anche il primo mese dell’anno. Con percentuali decisamente importanti. Le vetture a benzina sono calate del 39% rispetto a gennaio 2021, e quelle alimentate a diesel del 43,2%. Il metano è sceso addirittura del 48,3%. L’unico a risalire la china è il GPL (+22,8%) passato dalle 8.190 unità di gennaio 2021 alle 10.059 di gennaio 2022.

L’elettrificazione è ovviamente la protagonista assoluta, sebbene le percentuali di crescita non siano più a tripla cifra come l’anno precedente. Anche perché stavolta il metro di paragone è il 2021 e non il 2019. La quota totale di ibride plug-in (quelle alla spina) è salita del 45,3%, mentre le elettriche pure del 46,5%. In particolare le vetture BEV immatricolate a gennaio 2022 sono state 3.658. La quota delle Full Hybrid è salita del 31,8%, e le mild-hybrid hanno visto una crescita del 10,3%. Oramai l’elettrificazione è un dato di fatto, anche perché le case non offrono alternative (salvo in pochi casi) a questo genere di tecnologia.

Paga la convenienza

Il nostro mercato privilegia da tempo i marchi che offrono un prodotto che potremmo definire a “buon prezzo”. Così a gennaio 2022 ad emergere sono brand come Dacia che segna un 42,61% rispetto a gennaio 2021. Merito certamente di una gamma rinnovata, che può contare ora pure sulla station Jogger. A salire la china pure DR, il marchio molisano che assembla vetture cinesi. Questo mese hanno immatricolato 1.458 unità rispetto alle 369 di gennaio 2021 (+295,12%).

Tra i premium sono Porsche (+13,66%), MINI (+16,65%) e DS (+36,30%) a presentare risultati positivi. Per il resto è un susseguirsi di percentuali con segno negativo. In tutto il panorama di gennaio è solo il Gruppo Renault, grazie a Dacia ovviamente, ad uscire indenne dal primo mese dell’anno.

La Top Ten del mese di Gennaio

NOME VETTURAUNITÀ IMMATRICOLATE
Fiat Panda9.466
Dacia Sandero4.012
Ford Puma3.267
Lancia Ypsilon3.265
Toyota Yaris Cross3.243
Fiat 500X2.468
Dacia Duster2.415
Peugeot 20082.411
Toyota Yaris2.408
Volkswagen Polo2.376

Lascia un commento