La Mini “classica” diventa elettrica grazie a London Electric Cars

Tutta una questione di retrofit. Operazione che ha modificato i connotati, motoristicamente parlando, della più celebre delle Mini

10 Giugno 2021

Redazione - Autore

L’universo del retrofit, ovvero quella pratica che consente di rendere 100% elettriche le auto d’epoca, non ha limiti e confini. Questa volta a diventare elettrica è la cara e vecchia Mini. Forse tra le più adatte a questo tipo di soluzione retroattiva.

London Electric Cars (LEC) ha lanciato il “rinnovato” modello con prezzi a partire da 25.000 sterline (poco meno di 30mila euro). Cifra a cui bisognerà sommare le eventuali tasse locali, la spedizione, ma soprattutto l’auto donatrice. Di fatto il costo di cui sopra si riferisce alla elaborazione 100% elettrica.

Con sede nel cuore di Londra, LEC è l’unico specialista nella conversione di auto elettriche all’interno della Ultra Low Emission Zone (ULEZ) della capitale britannica. Fondata nel 2017, l’azienda ha la missione di creare auto classiche convertite in modo sostenibile utilizzando l’energia elettrica.

Sostenibile di nome e di fatto

La conversione della Mini classica prevede l’impiego di un accumulatore da 20 kWh, che dovrebbe garantire un’autonomia poco superiore ai 100 km. Però si tratta dell’offerta di partenza, perché le variabili disponibili sono svariate. I conducenti possono utilizzare qualsiasi caricatore pubblico di tipo 1 o tipo 2, nonché utilizzare i propri sistemi wall-box domestici privati e, se lo desiderano, anche caricare da una presa domestica da 13 A.

Tutto parte dalla componentistica di una Nissan Leaf usata (motore e celle della batteria). Una soluzione che si è dimostrata essere tra le più sostenibili tra quelli possibili. Matthew Quitter, fondatore e amministratore delegato di London Electric Cars, ha dichiarato: “Come appassionato di auto d’epoca e sostenitore di conversioni di veicoli elettrici convenienti e sostenibili, per noi [LEC] aveva senso concentrarci sulla Mini originale. Alec Issigonis è stato uno dei designer più collaborativi e liberi di pensare, ma anche qualcuno che sapeva come rispettare un budget. Con questa conversione EV volevamo che la Mini classica fosse un’opzione conveniente ma utile per gli abitanti delle città, non solo nella nostra città natale di Londra, ma in tutto il mondo per affrontare il traffico e aiutare a porre fine all’inquinamento”.

L’attuale tempo di attesa è di circa sei mesi per i clienti con auto nel Regno Unito. La classica Mini fa parte di una gamma di conversione in veicoli EV che include anche l’iconica Land Rover britannica, Morris Minor e Morris Traveller.

Mini classica elettrica foto

15 Immagini

Lascia un commento