Volkswagen China svela il prototipo di un veicolo volante

Volkswagen China ha svelato i suoi nuovi piani per la realizzazione di sistemi di mobilità elettrica urbana volante.

29 Luglio 2022

Roberto Rais - Autore

Volkswagen Group China ha presentato il primo prototipo di veicolo elettrico a decollo e atterraggio verticale (eVTOL) con equipaggio, con cui intende esplorare ulteriormente le possibilità di mobilità personale elettrica e sostenibile.

Il comunicato stampa con cui il gruppo presenta tale novità ricorda che Volkswagen China abbia lanciato il suo programma di mobilità aerea nel 2020 per individuare soluzioni di mobilità di prossima generazione, tra cui quelle aeree urbane. Dopo un’intensa attività di ricerca, costruzione di concept e sviluppo, il team ha finalmente completato il primo prototipo, il V.MO.

In cosa consiste il veicolo volante di Volkswagen

Il prototipo è stato progettato con una configurazione a X e ha una lunghezza alare di 11,2 metri e un’apertura di 10,6 metri, con otto pale del rotore per il decollo e l’atterraggio verticale e due eliche per la propulsione orizzontale in rotta.

Volkswagen ha già anticipato che ottimizzerà ulteriormente il prototipo con diverse serie di test di volo nel corso di quest’anno e che il prototipo migliorato sarà pronto per un livello più elevato di voli di prova alla fine dell’estate del 2023. L’obiettivo è far sì che il mezzo sia in grado di volare con un’autonomia fino a 200 chilometri, con quattro passeggeri e bagagli.

Le previsioni per il settore

Il mercato del trasporto aereo urbano sta emergendo rapidamente come nuova nicchia nel comparto della mobilità, soprattutto per i viaggi brevi e intermedi a bassa quota nelle grandi città e tra le città.

A ricordarlo è lo stesso comunicato stampa di Volkswagen China, secondo cui nel Paese asiatico lo sviluppo di questo settore allevierà la congestione del traffico nelle grandi città e svolgerà un ruolo importante nel futuro del trasporto urbano e interurbano.

Per quanto concerne le previsioni di breve e medio termine, VW afferma che nelle fasi iniziali dell’adozione commerciale V.MO si rivolgerà a clienti cinesi di alto livello che cercano esperienze tecnologiche innovative con prodotti di mobilità qualificati, come i servizi di navetta aerea VIP.

La concorrenza

Naturalmente, VW non è la sola ad esplorare nuove possibilità in questo ambito. Basti considerare il ruolo svolto da XPeng, uno degli operatori più vivaci, che lunedì scorso ha messo in funzione il suo primo impianto pilota.

In occasione dell’evento annuale Tech Day dello scorso 24 ottobre, XPeng aveva presentato il concept di auto volante di sesta generazione di XPeng Aeroht, un veicolo che può sia guidare come un’auto normale sulla terraferma sia volare in aria. All’epoca, il presidente e amministratore delegato di XPeng, He Xiaopeng, aveva dichiarato che l’azienda mirava a produrre in serie l’auto volante entro il 2024, con un prezzo previsto inferiore a 150 mila euro.

Simile impegno arriva dal Gruppo GAC, con sede a Guangzhou come XPeng, che sta sviluppando auto volanti e sta assumendo ingegneri internazionali per questo scopo.

Lascia un commento