Volkswagen dice addio alle auto a combustione interna dal 2035

La strategia della casa tedesca prevede di abbandonare le vetture tradizionali entro il 2035 a favore di quelle solo elettriche. Una decisione che inizialmente coinvolgerà l'Europa

28 Giugno 2021

Redazione - Autore

L’abbandono dei motori termici prosegue in quel di Germania. Ovviamente la direzione intrapresa da Audi rappresenta semplicemente la punta di un iceberg decisamente più ampio. Infatti anche il marchio Volkswagen smetterà di vendere auto con motori a combustione in Europa entro il 2035, per passare naturalmente a veicoli completamente elettrici. E poco più tardi toccherà pure a Stati Uniti e Cina.

Questo è quanto ha dichiarato Klaus Zellmer, capo delle vendite Volkswagen, ad un giornale tedesco. “In Europa, usciremo dal business con i veicoli a combustione interna tra il 2033 e il 2035, negli Stati Uniti e in Cina un po’ più tardi”, ha detto Zellmer al quotidiano Muenchner Merkur in un’intervista pubblicata sabato. “In Sud America e in Africa, ci vorrà molto più tempo a causa del fatto che mancano ancora le condizioni politiche e infrastrutturali”, ha aggiunto Zellmer.

La strategia Accelerate del marchio Volkswagen, presentata il 5 marzo, di fatto prevede che il 70% delle vendite europee del marchio sarà riferito a veicoli completamente elettrici entro il 2030. Ciò preparerebbe l’azienda a un possibile inasprimento degli obiettivi climatici dell’Unione europea e addirittura li supererebbe, ha detto Zellmer al Muenchner Merkur.

Entro il 2050 l’intera flotta Volkswagen dovrebbe essere CO2 neutrale, ha detto Zellmer al giornale. La prossima serie di regole sulle emissioni di CO2 dell’UE per le case automobilistiche che vendono auto in Europa, prevede una riduzione del 60% entro il 2030 seguita da una riduzione del 100% entro il 2035, il che significa che entro tale data sarà praticamente impossibile vendere veicoli con motore a combustione interna.

Lascia un commento