Il noleggio camper alternativo si chiama Goboony

La piattaforma di camper sharing ha chiuso il 2022 con una crescita del 100%, confermando il trend a tripla cifra degli ultimi due anni

25 Gennaio 2023

Redazione - Autore

La piattaforma di camper sharing ha chiuso il 2022 con una crescita del 100%, confermando il trend a tripla cifra degli ultimi due anni Goboony è la piattaforma di camper sharing che mette in contatto proprietari di camper e viaggiatori. Nata nel 2015 a Utrecht dall’idea dei due fondatori Mark de Vos e Foppe Mijnlieff, conosciuti qualche anno prima durante un viaggio in camper in Nuova Zelanda.

È presente e attiva in 6 paesi europei: Paesi Bassi, Belgio, Italia, Gran Bretagna, Francia e Germania. Con oltre 200.000 utenti, oggi la piattaforma conta circa 9.000 camper e offre ai propri utenti una vasta gamma di veicoli tra cui scegliere, dai grandi familiari a 7 posti fino ai van d’epoca Volkswagen. Sul mercato italiano, Goboony è arrivato stabilmente nel 2019, conquistando posizioni di rilievo nel settore del camper sharing.

Forse non sapevi che…

Nel 2011 durante una vacanza con le rispettive famiglie, le strade di Mark de Vos e Foppe Mijnlieff si incrociano casualmente nel mezzo della campagna incontaminata neozelandese. Condividendo l’amore per l’avventura, le due famiglie iniziano a conoscersi e nasce subito una grande simpatia. Allora ancora non sapevano che, qualche anno più tardi, sarebbero diventati soci in affari e avrebbero creato Goboony, la piattaforma di condivisione per gli appassionati di camper in più rapida crescita in Europa.

Come omaggio alla Nuova Zelanda, scelgono di chiamare la loro società con un nome che ricordasse la terra del loro primo incontro. Prendono così spunto da due parole che racchiudono l’essenza stessa del viaggiare in camper: la prima è presa in prestito dallo slang neozelandese ed è “go in the boonies” (andare in mezzo al nulla) e l’altra è “boondocking”, un termine usato nel gergo da camperisti e sta ad indicare la possibilità di parcheggiare il camper in mezzo al nulla.

Come funziona il servizio?

Goboony permette ai viaggiatori di trovare un veicolo – camper, un van o un furgone camperizzato – da un utente privato. Ricoprendo il ruolo di intermediario, offre la garanzia di un servizio sicuro e affidabile, grazie alla polizza assicurativa kasko e all’assistenza stradale 24/7.

Viaggiatore e proprietario si conoscono prima virtualmente sulla piattaforma dove si scambiano le prime informazioni ed eventualmente chiudono l’accordo. Il giorno della partenza si incontrano di persona per la consegna delle chiavi, il controllo del veicolo e la firma del contratto. Dopodiché Il viaggiatore è pronto per partire e il proprietario riceve il suo compenso. Tutti i camper sono testati APK, soddisfano i requisiti legali e sono assicurati.

Il mercato premia la condivisione

Goboony è cresciuta con un ritmo accelerato fino a diventare leader di mercato nella condivisione di camper peer-to-peer nei Paesi Bassi, Belgio, Italia e Regno Unito. Negli ultimi anni, infatti, Goboony ha registrato una crescita a tre cifre, basandosi sul forte aumento dei proprietari di camper in tutta Europa e sulla maggiore popolarità della “Van Life” tra le giovani generazioni.

Nel 2022 ha segnato un +100% di crescita, + 70% di nuovi proprietari e un + 66,8% di nuovi viaggiatori. Mentre le prenotazioni avvenute sono state 22.632, con un +40% rispetto all’anno precedente.

“In un anno che ha visto consolidare il trend delle vacanze in camper, Goboony si posiziona al vertice della categoria come volumi di prenotazioni, crescita del fatturato e soprattutto soddisfazione del cliente – dichiara Luca Galli, Country Manager Goboony Italia. I numeri e le nostre previsioni ci dicono che il 2023 sará un anno intenso e ricco di soddisfazioni in cui ispireremo un’irrefrenabile voglia di viaggiare in camper nel cuore di tutti i Viaggiatori Italiani”.

Lascia un commento