Auto con cambio automatico: funzionamento, guida e migliori modelli

10 Giugno 2021

Roberto Rais - Autore

Le auto con cambio automatico si sono diffuse in maniera piuttosto dinamica nel corso degli ultimi anni, accontentando in tal modo la crescente platea di automobilisti che desidera fruire di questa tecnologia, in grado di conferire una guida più semplice e rilassata rispetto a quella con il cambio manuale.

Ma come funziona il cambio automatico? Come si guida con l’auto con il cambio automatico? E quali sono i migliori modelli di auto con cambio automatico?

Abbiamo cercato di parlare di tutto questo – e molto altro – nel nostro approfondimento odierno. Ti consigliamo di leggerlo con attenzione e, se dovessi avere ancora qualche dubbio sul funzionamento del cambio automatico e sui suoi vantaggi, contattare la nostra redazione ai recapiti che trovi in ogni pagina di TargetMotori.

Come funzionano le auto con il cambio automatico

Entrando subito nel vivo del nostro approfondimento, cominciamo con il ricordare che le auto con cambio automatico hanno due soli pedali: l’acceleratore e il freno, più grande e posizionato a destra.

Troviamo poi una leva del cambio automatico, a destra del conducente, nel tunnel centrale, più o meno dove è collocata la leva del cambio manuale nei veicoli che non dispongono del cambio automatico.

Tuttavia, contrariamente a quest’ultima, nella leva del cambio automatico troviamo qualche lettera e funzionalità diversa:

  • P: parcheggio. È la posizione che deve essere usata prima di spegnere il motore, per bloccare l’albero di trasmissione e le ruote
  • R: retromarcia. È la stessa funzione che viene ricoperta anche nel cambio manuale
  • N: neutrale. È l’equivalente della funzione folle, usata per le soste lunghe tirando il freno a mano, ma non per spegnere il motore
  • D: guida. È la funzione di marcia normale su strada
  • S: sport. Se presente, è la funzione di guida sportiva, con cambio marcia a un numero di giri maggiore
  • L: low. È la funzione che permette al cambio automatico di funzionare meglio con le marce più basse, come quelle che sono usate nelle salite ripide.

Come parte nelle auto con cambio automatico

Introdotto quanto sopra, cerchiamo di capire come partire e gestire l’andatura.

Per quanto concerne la partenza, si può tenere il piede sul pedale del freno e mettere il cambio in posizione D (gestione automatica), lasciando poi andare gradualmente il pedale per mettere l’auto in movimento.

Come si gestisce l’andatura nelle auto con cambio automatico

Gestire l’andatura nelle auto con cambio automatico è molto semplice. Per regolare la velocità è infatti sufficiente agire sul pedale dell’acceleratore, mentre non risulterà più utile cambiare marcia come, invece, si sarebbe fatto con il cambio manuale.

Come frenare nelle auto con cambio automatico

Intuibilmente, per frenare nelle auto con cambio automatico sarà sufficiente spingere sul pedale del freno, togliendo così il piede dall’acceleratore.

Come spegnere l’auto con cambio automatico

Per brevi soste è sufficiente mettere l’auto in folle: in questo modo il veicolo non sarà in movimento e non bisognerà controllarne la velocità attraverso i pedali. Se invece si desidera spegnere la macchina, prima di togliere l’alimentazione sarà sufficiente tenere il piede sul pedale del freno e, prima, selezionare la lettera P con il cambio.

Consigli per la guida con cambio automatico

Dalle poche righe che sopra abbiamo scelto di condividere, dovrebbe risultare piuttosto chiaro come la guida con cambio automatico sia molto semplice, e occorrano davvero pochi minuti per prendere la giusta dimestichezza con la conduzione di un mezzo che ha questo sistema.

Ricorda che prima di passare dallo stato di trasmissione bloccata a qualsiasi altra posizione è necessario premere il freno. E che non si deve mai inserire lo stato di trasmissione bloccata o di retromarcia se l’auto è in movimento. Consigliamo inoltre di effettuare la pressione sui pedali solo in modo molto graduale e leggero, evitando “strappi”.

Differenze tra auto con cambio automatico e cambio manuale

Ora che abbiamo descritto più compiutamente come funziona il cambio automatico, dovrebbe risultare intuibile capire quali siano le differenze con il cambio manuale.

La prima, e più evidente, è l’assenza della frizione. Contrariamente ai tre pedali delle auto con cambio manuale, l’auto con cambio automatico ne presenta solo due. Dunque, chi è abituato, magari da molti anni, a guidare un’auto con cambio manuale, correrà il rischio, per un po’ di tempo, di andare automaticamente a cercare la frizione con il piede sinistro, andando però a vuoto o pigiando sul pedale del freno.

L’ulteriore differenza è principalmente di percezioni e di sensazioni. Di norma chi guida con cambio manuale non ha fatica nell’affermare che la guida è generalmente più coinvolgente, mentre quella con cambio automatico risulta essere tendenzialmente più “fredda”.

Altre differenze riguardano poi l’ambito economico e di prestazioni. Il cambio tradizionale è certamente più economico sia per quanto concerne l’influenza che questo allestimento ha sull’intero modello, sia per quanto riguarda le periodiche manutenzioni.

Certo è che questo non deve necessariamente far propendere l’ago della bilancia nei confronti del cambio manuale (anzi): il cambio automatico permette infatti una guida più rilassata e, peraltro, anche più sicura, considerato che il conducente non avrà alcun bisogno di staccare le mani dal volante mentre sta guidando per cambiare marcia, potendosi così concentrare meglio su quanto avviene sulla strada.

Migliori modelli di auto con cambio automatico

Il cambio automatico è oggi disponibile su un crescente numero di modelli. E, proprio per questo motivo, è sempre più difficile individuare quali siano le versioni migliori sul mercato.

Per quanto concerne per esempio le utilitarie, il cambio automatico è disponibile sulla Ford Fiesta, mentre chi vuole risparmiare e scendere sotto i 14.000 euro di prezzo di listino, potrà puntare sulla più economica Hyundai i10.

Sempre nel novero delle auto piccole, il risparmio maggiore per il cambio automatico è probabilmente attribuibile alla Dacia Sandero, con prezzi di partenza inferiori ai 9.000 euro. Buona anche la soluzione offerta dalla Citroen C3 o, per chi vuole destinare un budget di circa 16.000 – 17.000 euro, la Renault Clio.

Giova inoltre rammentare come il cambio automatico sia sempre più diffuso anche tra i SUV. Quelli di casa Jeep stanno spingendo con una dotazione sempre più convincente e il Compass si eleva probabilmente tra le migliori scelte sul mercato sotto la fascia dei 30.000 euro.

Insomma, un ventaglio di alternative sempre più vario e sempre più efficiente, che consigliamo a tutti i nostri lettori di sperimentare attraverso le recensioni che abbiamo preparato per loro.

Lascia un commento