Incentivi regionali per l’acquisto dei veicoli poco inquinanti: Lombardia

Uno sguardo agli incentivi regionali previsti in Lombardia per le operazioni di acquisto di un'auto ecologica.

18 Novembre 2021

Roberto Rais - Autore

[delta-speaker]

Per sostenere gli obiettivi di mobilità sostenibile sono a disposizione delle agevolazioni per l’acquisto di auto poco inquinanti a livello statale, a cui si aggiungono ulteriori incentivi regionali che possono essere o meno cumulati con quelli nazionali, rendendo così l’investimento in vetture a basse emissioni ancora più utile e conveniente.

In questo approfondimento cerchiamo di riepilogare quali siano gli incentivi auto 2021 in Lombardia e come farne richiesta.

Incentivi auto 2021 Regione Lombardia

La Regione Lombardia aveva stanziato un fondo speciale nel secondo Bando Rinnova Autovetture 2021. Pur con contributi dimezzati rispetto al primo bando, il 4 ottobre 2021 le risorse sono esaurite e, dunque, si attende un nuovo plafond operativo.

Per quanto non di attuale interesse, ricordiamo come l’agevolazione è consistita in un contributo a fondo perduto per l’acquisto di un veicolo a basso impatto ambientale, con cancellazione dal PRA di un veicolo inquinante.

L’acquisto del veicolo a basso impatto ambientale doveva riguardare:

  • un’autovettura (di categoria M1) a basso impatto ambientale,
  • di nuova immatricolazione oppure già immatricolata successivamente al 1° gennaio 2020 e intestata ad una casa costruttrice di veicoli o a un venditore/concessionario.

Era inoltre necessario che:

  • il veicolo fosse immatricolato per la prima volta in Italia
  • la radiazione fosse successiva successiva alla data di approvazione del bando attuativo e avvenisse mediante il venditore/concessionario abilitato
  • l’intestazione al soggetto beneficiario del veicolo radiato fosse antecedente al 1 gennaio 2020
  • la proprietà del veicolo acquistato venisse mantenuta per almeno 24 mesi successivi all’intestazione del beneficiario del veicolo
  • il contribuente non presentasse più di una domanda di contributo

Per quanto invece riguardava l’entità dei contributi, si trattava di:

  • 4.000 euro per auto a zero emissioni (elettrica pura o idrogeno); 2.000 euro (senza radiazione);
  • 2.500 euro per auto con emissioni di CO2 ≤60 g/km e NOx ≤ 85.8 mg/km (euro 6D benzina, metano, Gpl o ibride);
  • 2.000 euro per auto di CO2 ≤60 g/km e con NOx ≤ 126 mg/km (euro 6D-Temp benzina, metano, Gpl o ibride oppure euro 6D diesel);
  • 2.000 euro per auto con emissioni 60<CO2≤110 g/km e con NOx ≤ 85.8 mg/km (euro 6D benzina, metano, Gpl o ibride).
  • 1.500 euro con emissioni 60<CO2≤110 g/km e con NOx ≤ 126 mg/km (euro 6D-Temp benzina, metano, Gpl o ibride oppure euro 6D diesel)
  • 1.500 euro con emissioni 110<CO2≤145 g/km e con NOx ≤ 85.8 mg/km (euro 6D benzina, metano, Gpl o ibride)
  • 1.000 euro con emissioni 110<CO2≤145 g/km e con NOx ≤ 126 mg/km (euro 6D-Temp benzina, metano, Gpl o ibride oppure euro 6D diesel).

Incentivi auto Lombardia 2022

Gli incentivi auto Lombardia dovrebbero tornare nel 2022 attraverso il rifinanziamento del bando. Aggiorneremo tutti i lettori non appena sarà pubblicata la nuova versione.

Incentivi per la rottamazione di veicoli inquinanti e per l’acquisto di veicoli con alimentazione ibrida

Di fianco a quanto sopra, è stato previsto – ed è ancora in vigore – un nuovo contributo per le imprese. Si tratta di un sostegno pari a 90 euro per la demolizione dei veicoli inquinanti e la riduzione del 50% della tassa auto per cinque anni per i veicoli a doppia alimentazione benzina / elettrico, anche se a ricarica esterna, o GPL / elettrico, oppure metano / elettrico, immatricolati dal 1 gennaio 2019. È invece prevista un’esenzione permanente per i veicoli a idrogeno.

Contributo di 90 euro

Il primo beneficio di tale misura è dunque la presenza di un contributo di 90 euro per la demolizione di un veicolo che appartiene a una delle seguenti classi emissive (come dimostrato dalla carta di circolazione):

  • Euro 0 benzina o diesel, non omologati ai sensi delle direttive 91/441/CEE, 91/542/CEE o 93/59/CEE 
  • Euro 1 a benzina o diesel, omologati ai sensi delle direttive 91/441/CEE, 91/542/CEE riga A o 93/59/CEE 
  • Euro 2 diesel, omologati ai sensi delle direttive 91/542/CEE riga B, 94/12/CE, 96/1/CE, 96/44/CE, 96/69/CE, o 98/77/CE 
  • Euro 3 diesel, omologati ai sensi delle direttive 98/69/CE, 98/77/CE fase A, 99/96/CE, 99/102/CE fase A, 2001/1/CE fase A, 2001/27/CE, 2001/100/CE fase A, 2002/80/CE fase A, 2003/76/CE fase A 
  • Euro 4 diesel, omologati ai sensi delle direttive 92/97 CE – 98/69 CE-B, 98/69 CE-B; 2003/76/CE-B; 98/77/CE RIF. 98/69/CE-B; 1999/102/CE RIF. 98/69/CE-B; 999/96/CE riga B1; 2001/100/CE-B; 2001/1/CE RIF. 98/69/CE-B; 2001/27/CE – RIF 1999/96/CE riga B1; 2002/80/CE-B; 2005/78/CE – RIF 2005/55/CE riga B1; 2006/51/CE – RIF 2005/55/CE riga B1; 2001/1/CE – RIF. 98/69/CE-B (con disp. antip.); 2001/100/CE-B (con disp. antip.); 2002/80/CE-B (con disp. antip.); 2003/76/CE-B (con disp. antip.)
  • Autoveicoli a doppia alimentazione benzina/metano o benzina/GPL, omologati all’origine nella classe emissiva Euro 0 oppure EURO 1 a benzina.

Si ricorda che la data del certificato di presa in carico rilasciato dal centro di raccolta autorizzato alla demolizione o dal rivenditore autorizzato deve essere compresa entro il 31 dicembre 2021.

La riduzione della tassa auto

In aggiunta al beneficio di cui sopra è prevista anche la possibilità di fruire della riduzione per cinque anni di imposta (a decorrere di quello dell’immatricolazione) del 50% della tassa auto che è dovuta dai proprietari / locatori dei veicoli appartenenti alle categorie internazionali M1 e N1, acquistati dal 2019, nuovi di fabbrica, purché con alimentazione:

  • benzina/elettrico, compresi i veicoli a ricarica esterna
  • GPL/elettrico
  • metano/elettrico.

Nel caso di veicolo con alimentazione esclusiva a idrogeno, è invece prevista l’esenzione permanente.

Come richiedere il contributo per la rottamazione

È possibile richiedere il contributo per la rottamazione di 90 euro registrandosi entro 45 giorni dalla consegna del veicolo al demolitore nell’Area personale dei tributi regionali sul sito tributi.regione.lombardia.it con SPID, CIE o PIN della Tessera sanitaria – Carta nazionale dei servizi. Quindi, sarà possibile compilare e trasmettere telematicamente la richiesta del contributo di rottamazione.

Come richiedere la riduzione del 50% della tassa auto

La riduzione della tassa auto per i veicoli ibridi viene attribuita automaticamente dal sistema di pagamento, così come l’esenzione permanente per i veicoli alimentati esclusivamente a idrogeno. Dunque, l’interessato non dovrà effettuare alcun adempimento.

Lascia un commento