Un Harley-Davidson Sportster originale ma non troppo

Costruita come una bobber, la moto è provvista di ruote custom a raggi, con quella posteriore equipaggiata di uno pneumatico largo 200 mm

harley davidson vivir is custom sportster with a message and a hidden elephant 3
5 Aprile 2023

Redazione - Autore

Questa particolare Harley-Davidson Sportster è opera del garage spagnolo Lord Drake, sotto l’attenta guida del proprietario della moto. A lui infatti si deve la scelta del nome di questa singolare personalizzazione: Vivir.

harley davidson vivir is custom sportster with a message and a hidden elephant 2

Una rapida occhiata alla custom rivela più o meno le stesse linee Sportster a cui siamo abituati, quindi non aspettatevi chissà quali “mutazioni”. Queste linee però sono state abbinate a pezzi scelti con cura che ovviamente la distinguono dalla versione di serie. Sotto la moto è presente un telaio “tagliato” per consentire la trasformazione in monoposto.

Costruita come una bobber, la moto è provvista di ruote custom a raggi, con quella posteriore equipaggiata di uno pneumatico largo 200 mm. Sono entrambe nascoste sotto parafanghi personalizzati, mentre il motore Evolution è quello di serie.

Come al solito quando si tratta di build di Lord Drake, la Vivir presenta parti personalizzate realizzate in tutto il mondo. Le manopole con indicatori di direzione inclusi sono di Motogadget, gli specchietti sono stati forniti da Arlen Ness, mentre gli unici upgrade apportati al motore, al filtro dell’aria e allo scarico corto, provengono rispettivamente da Rough Crafts e Vance & Hines.

harley davidson vivir is custom sportster with a message and a hidden elephant 4

Per quanto riguarda la vernice, il proprietario della moto ha scelto di mantenere la vernice arancione originale dello Sportster sul serbatoio del carburante, ma ha optato per il nero nelle altri parti della moto per un forte impatto. E c’è persino un elefante dipinto da qualche parte sulla moto.

Harley-Davidson Sportster Vivir – Le immagini

  • 9
  • Immagini

    Lascia un commento