GP degli Stati Uniti 2021: Top e Flop della gara sul circuito di Austin

Scopriamo insieme Top e Flop del GP degli Stati Uniti, che ha visto il successo di Max Verstappen davanti a Lewis Hamilton.

GP degli Stati Uniti
26 Ottobre 2021

Raffaele Sarnataro - Autore

[delta-speaker]

Il GP degli Stati Uniti si è concluso con il successo di Max Verstappen, che con la sua Red Bull è riuscito ad allungare sulla Mercedes di Lewis Hamilton.

I due sono stati protagonisti di un duello a suon di giri veloci e di strategie ai box. L’olandese, tuttavia, è riuscito a portare avanti un passo gara migliore rispetto al suo rivale per il titolo iridato. Il circuito di Austin ci ha restituito il terzo posto dell’altra vettura austriaca di Sergio Perez, capace di precedere la Ferrari di un consistente Charles Leclerc. Seguono Ricciardo, Bottas, Sainz e Norris.

Ecco quali sono stati i Top e i Flop del GP degli Stati Uniti, con tante storie da raccontare in occasione di un weekend ricco di sorprese.

Top GP degli Stati Uniti 2021

Max Verstappen – Red Bull

Una vittoria straordinaria, un vero colpo da maestro. Max Verstappen ha dimostrato tutta la sua freddezza, la sua maturazione sembra ormai completa. L’olandese può davvero giocarsi questo titolo mondiale, anche grazie a una Red Bull di altissimo livello. Un pacchetto dalla qualità siderale, che potrebbe rivelarsi fondamentale per una stagione che sembra tutta sua.

Lewis Hamilton – Mercedes

La vittoria di un campione deve essere avvalorata anche da una concorrenza agguerrita. Tra le curve del COTA, Lewis Hamilton non si mai dimostrato domo. Il britannico è riuscito a bruciare Max in partenza e a condurre la prima parte della gara in testa. Ha tentato la strategia lunga, ma più di così proprio non poteva fare. Nel finale, stava anche per centrare il successo.

Charles Leclerc – Ferrari

Un’altra buona prestazione per il monegasco, capace di infliggere un distacco notevole a Daniel Ricciardo e di difendere la quarta piazza senza alcuna difficoltà. La Ferrari non è ancora ai livelli dei due top team, ma Charles Leclerc sottolinea quanto la sua vettura stia migliorando nell’aerodinamica e nelle prestazioni pure. Da podio.

Daniel Ricciardo – McLaren

Buona prova per il vincitore del GP d’Italia, che sta portando avanti un’ottima seconda parte di stagione. Il buon Daniel ha saputo tener dietro la Rossa di Carlos Sainz, apparsa più performante ad Austin. La strada imbeccata è quella giusta per l’australiano.

Sebastian Vettel – Aston Martin

Sebastian Vettel centra un punto che fa morale per una Aston Martin in crisi di prestazioni e risultati. Importante la rimonta del tedesco dalle retrovie, che complice anche l’errore decisivo di Kimi Raikkonen riesce a raccogliere il massimo dal weekend statunitense.

Flop GP degli Stati Uniti 2021

Valtteri Bottas – Mercedes

Cinque posizioni di penalità in griglia per varie sostituzioni nella power unit non sono sufficienti a giustificare la prova opaca di Valtteri Bottas. Dopo la grande prestazione in Turchia, nel GP degli Stati Uniti il finlandese è tornato a essere una seconda guida lontanissima dal compagno di squadra. Fa molta fatica a superare chiunque, nonostante una vettura più potente.

Lando Norris – McLaren

In questo caso, tra i Flop trova spazio anche l’ottimo Lando Norris. Ha preso paga dal compagno di squadra Ricciardo e ha concluso con un ottavo posto poco soddisfacente. Forse troppi elogi potrebbero avergli leggermente fatto montare la testa.

Alpine

Due vetture poco performanti e dall’affidabilità scarsa. Le Alpine viste ad Austin sono davvero poca cosa e si sono ritirate dopo essere state lontanissime dalla zona punti. Alonso e Ocon desaparecidos, ma non solo per colpa loro.

Kimi Raikkonen – Alfa Romeo

Nella fase conclusiva della gara, il finlandese vanifica un decimo posto che sarebbe valso oro per la Alfa Romeo. Invece, un’uscita fuori pista lo relega in 13° piazza. Ormai il buon Kimi sembra pronto a vivere la sua pensione.

Lascia un commento