GP del Messico 2021: vince Verstappen davanti a Hamilton e Perez

Max Verstappen vince anche il GP del Messico davanti a Lewis Hamilton e porta il suo vantaggio a 9 punti sull'inglese.

Gp del Messico
7 Novembre 2021

Raffaele Sarnataro - Autore

[delta-speaker]

Max Verstappen si aggiudica il GP del Messico sull’Autodromo Hermanos Rodriguez. L’olandese della Red Bull supera le due Mercedes nella prima curva e non lascia scampo ai suoi avversari.

Secondo Lewis Hamilton, che nel finale riesce a tenere a bada un arrembante Sergio Perez. Grande gara dell’AlphaTauri di Pierre Gasly, quarto davanti alle Ferrari di Charles Leclerc e Carlos Sainz. Molto bene anche Vettel, settimo, che precede Raikkonen, Alonso e Norris.

Corsa travagliata per il poleman Valtteri Bottas, che viene toccato dalla McLaren di Daniel Ricciardo e percorre l’intero Gran Premio nelle retrovie. Concluderà solo quindicesimo, ma riuscirà a togliere il punto aggiuntivo del giro più veloce a Verstappen.

Nella classifica iridata, Max Verstappen porta il suo vantaggio su Lewis Hamilton a quota 19 lunghezze. La Mercedes mantiene la vetta nel mondiale costruttori con 1 solo punto sulla Red Bull. Dietro i due top team, la Ferrari scavalca la McLaren al terzo posto.

GP del Messico: la gara

Max Verstappen parte bene e brucia le due Mercedes in prima fila. L’olandese trova lo spunto giusto e si piazza al comando fin dalla prima curva. Dietro di lui, ecco Lewis Hamilton. Il poleman Valtteri Bottas sbaglia la partenza e viene anche toccato da Daniel Ricciardo con la sua McLaren, retrocedendo nel fondo del gruppo. Subito fuori Yuki Tsunoda, in seguito a una collisione con Esteban Ocon, e Mick Schumacher.

Bene Sergio Perez terzo, davanti agli ottimi Gasly e Leclerc sulla Ferrari. Sesto un sempre buon partente Antonio Giovinazzi, che precede l’altra rossa di Carlos Sainz. La gara procede in regime di Safety Car. Nel corso del quarto giro, si riprende con Verstappen che riesce a rintuzzare l’attacco di Hamilton, mentre Sainz supera Giovinazzi ed è subito sesto.

Verstappen allunga subito sul suo rivale diretto per il titolo mondiale e inizia il suo assolo. Dietro di loro, Perez sembra in grado di tenere il passo di Hamilton, che lamenta un’usura troppo rapida delle gomme. Gasly si mantiene in quarta piazza davanti alle due Ferrari, mentre dal fondo Ricciardo e Bottas risalgono fino a centro gruppo, approfittando anche delle soste ai box di mezzo schieramento.

Il finlandese della Mercedes tenta un attacco a sorpresa sull’australiano della McLaren, ma senza successo. Nel corso del 30° giro, Lewis Hamilton inizia il giro di pit stop tra i piloti in vetta e rientra dietro alla Ferrari di Charles Leclerc, in quinta piazza.

Per fortuna di Lewis, Charles rientra a sua volta ai box e non gli dà molto fastidio. Il monegasco rientra a sua volta in nona posizione. Nei giri successivi, sarà la volta anche di Max e Checo. Disastro nella pit lane per Valtteri Bottas, che effettua una sosta estremamente lenta e rientra in quindicesima posizione.

Nel frattempo, Sergio Perez effettua la sua sosta e inizia a rincorrere Lewis Hamilton, con il sogno di centrare il secondo posto davanti a un pubblico di casa in visibilio. Red Bull che continua a dimostrarsi notevolmente superiore rispetto alla Mercedes sull’Autodromo Hermanos Rodriguez.

Verstappen si gode un primato in completa solitudine e niente sembra in grado di impensierirlo. Leclerc è alle prese con problemi alle gomme anteriori e viene riavvicinato dal compagno di squadra Sainz. Il monegasco fa passare lo spagnolo, capace di tenere un ritmo superiore. Intanto, Perez piomba a meno di 2 secondi da Hamilton.

A 10 giri dal termine, il distacco tra Lewis e Sergio è di meno di un secondo. Il messicano inizia a studiare i movimenti del britannico, ma dopo alcuni giri torna a perdere contatto. Bottas rientra ai box per altre due volte per montare gomme morbide, mentre Perez torna a meno di un secondo da Hamilton. Sainz fa ripassare Leclerc, non essendo in grado di insidiare Gasly.

A fine gara, Max Verstappen domina il GP del Messico. Sergio Perez prova fino all’ultimo giro a superare Lewis Hamilton, ma l’inglese arriva secondo e il messicano terzo. Quarto Gasly davanti alle Ferrari di Leclerc e Sainz. Valtteri Bottas centra il giro veloce e strappa il punto addizionale a Verstappen.

GP del Messico: ordine d’arrivo

POSPILOTANAZ.TEAMTEMPO
1Max VerstappenNEDRed Bull Racing71 Laps
2Lewis HamiltonGBRMercedes AMG Petronas Formula One Team+ 16.555s
3Sergio PerezMEXRed Bull Racing+ 17.752s
4Pierre GaslyFRAScuderia AlphaTauri Honda+ 63.845s
5Charles LeclercMONScuderia Ferrari Mission Winnow+ 81.037s
6Carlos SainzESPScuderia Ferrari Mission Winnow+ 1 Lap
7Sebastian VettelGERAston Martin Cognizant Formula One Team+ 1 Lap
8Kimi RaikkonenFINAlfa Romeo Racing Orlen+ 1 Lap
9Fernando AlonsoESPAlpine F1 Team+ 1 Lap
10Lando NorrisGBRMcLaren F1 Team+ 1 Lap
11Antonio GiovinazziITAAlfa Romeo Racing Orlen+ 1 Lap
12Daniel RicciardoAUSMcLaren F1 Team+ 1 Lap
13Esteban OconFRAAlpine F1 Team+ 1 Lap
14Lance StrollCANAston Martin Cognizant Formula One Team+ 2 Laps
15Valtteri BottasFINMercedes AMG Petronas Formula One Team+ 2 Laps
16George RussellGBRWilliams Racing+ 2 Laps
17Nicholas LatifiCANWilliams Racing+ 2 Laps
18Nikita MazepinRUSUralkali Haas F1 Team+ 3 Laps
DNFMick SchumacherGERUralkali Haas F1 TeamDNF
DNFYuki TsunodaJPNScuderia AlphaTauri HondaDNF

Lascia un commento