Crisi dei semiconduttori: ecco come hanno reagito le principali compagnie auto

La crisi dei semiconduttori durerà ancora a lungo: ecco come stanno reagendo alcune delle principali case automobilistiche.

16 Dicembre 2021

Roberto Rais - Autore

Dopo un anno difficile, in cui le industrie automobilistiche e tecnologiche sono state ostacolate da una profonda carenza di semiconduttori, diversi produttori stanno ancora sentendo i gap negativi di fornitura, e alcuni di essi hanno dovuto chiudere le linee di produzione prima del previsto.

La crisi sembra destinata a continuare fino al 2022, nonostante alcuni, tra cui Toyota, avessero stimato che il peggio fosse già passato. Molte aziende si sono mosse per concordare accordi significativi con i grandi produttori di elettronica per garantire una fornitura costante di semiconduttori anche in futuro. 

La carenza di semiconduttori è derivata inizialmente dall’aumento della domanda di personal computer, tablet e smartphone al culmine della pandemia di Covid-19, che ha in gran parte deviato l’offerta dal settore automobilistico, e ora si estende alle chiusure legate a Covid nelle fabbriche di semiconduttori e nei porti di spedizione internazionali.

In precedenza, Autocar aveva riferito come un certo numero di produttori stessero cercando urgentemente di rivedere le loro catene di fornitura di componenti per garantire la produzione continua. La società di analisi del settore IHS Markit ha detto al momento che la carenza potrebbe ridurre la produzione globale di quasi 700.000 veicoli anno su anno, anche se l’importo potrebbe essere ancora più alto.

Le mosse delle compagnie auto

Secondo i dati dell’Associazione europea dei produttori di automobili (ACEA), la carenza globale di chip ha causato una perdita di tre milioni di veicoli rispetto al 2019.

Ma come hanno reagito le singole compagnie auto?

BMW

BMW ha firmato un accordo di fornitura di semiconduttori con Inova Semiconductors e Global Foundries al fine di assicurarsi la fornitura di “diversi milioni di microchip all’anno”. La compagnia auto tedesca afferma che i chip saranno utilizzati per le tecnologie di illuminazione LED intelligenti nella BMW iX e in altre auto di prossima uscita.

Stiamo approfondendo la nostra partnership con i fornitori nei punti chiave della rete dei fornitori e sincronizzando la nostra pianificazione della capacità direttamente con i produttori di semiconduttori e gli sviluppatori“, ha affermato Andreas Wendt, responsabile degli acquisti e della rete dei fornitori di BMW.

Il CEO di BMW Oliver Zipse, che è anche il presidente dell’ACEA, ha avvertito all’inizio di quest’anno che i problemi di approvvigionamento sarebbero continuati a lungo, e che “la gravità della situazione richiede una risposta forte e coordinata in tutta l’Unione europea”.

Ford

Ford è stata pesantemente colpita dalle carenze di semiconduttori per tutto il 2021, ma il CEO Jim Farley ha suggerito che l’azienda dovrà dare la priorità alle batterie – rispetto ai chip – per soddisfare la domanda di 200.000 unità del nuovo pick-up elettrico F-150 Lightning.

In particolare, Farley ha affermato: “Avremo i semiconduttori. Si tratta di dare la priorità ai veicoli elettrici a batteria rispetto ai veicoli con motore a combustione interna. Il problema sono le batterie. È quello che dobbiamo risolvere”.

A novembre, Ford ha concluso un accordo con Global Foundries per sviluppare semiconduttori da utilizzare per i suoi sistemi di assistenza alla guida a mani libere e di gestione delle batterie. In precedenza, l’azienda ha fermato la produzione della Fiesta da maggio a metà luglio. E la sua fabbrica in Turchia, dove viene prodotto il Transit, è stata chiusa durante l’estate.

Jaguar Land Rover

Jaguar Land Rover sta ancora avvertendo lunghi tempi di attesa per i suoi nuovi modelli. L’azienda ha emesso un avviso alle società di leasing stando al quale il tempo di attesa per 53 varianti di modello si estenderà a oltre un anno.

Come altri produttori automobilistici, stiamo attualmente sperimentando alcune interruzioni della catena di approvvigionamento, compresa la disponibilità globale di semiconduttori, che sta avendo un impatto sui nostri programmi di produzione.  Continuiamo a vedere una forte domanda dei clienti per la nostra gamma di veicoli“, ha detto la società in una precedente dichiarazione ad Autocar.

“Stiamo lavorando a stretto contatto con i fornitori interessati per risolvere i problemi e ridurre al minimo l’impatto sugli ordini dei clienti, ove possibile” – si legge ancora.

Mercedes-Benz

La fabbrica di Mercedes-Benz in Ungheria ha interrotto la produzione per un mese da lunedì 13 dicembre.  “Adattandosi alla situazione di fornitura di componenti in continuo cambiamento, lo stabilimento Mercedes-Benz di Kecskemét modificherà i suoi piani di produzione dalla settimana 50 del calendario“, ha detto Daimler.

Ricordiamo che la fabbrica è il più grande datore di lavoro industriale della regione e ha prodotto 160.000 auto il solo anno scorso. La produzione riprenderà dal 12 gennaio, e la forza lavoro di 4700 persone continuerà ad essere pagata con un salario base. La fabbrica costruisce qui la Classe A, Classe B, CLA e CLA Shooting Brake.

Per minimizzare i ritardi, l’azienda tedesca ha inoltre ridotto la sua lista di optional su alcuni modelli fino a nuovo avviso.

Nissan

Nissan ritiene che l’industria automobilistica sarà colpita da carenze di semiconduttori fino alla metà del 2022.

“La pandemia ha sconvolto la catena di approvvigionamento in tutto il mondo e l’industria automobilistica è stata colpita molto più del previsto“, ha detto Ashwani Gupta, direttore operativo dell’azienda. “Ci vorrà ancora un po’ di tempo per tornare alle operazioni normali”.

A causa di tali difficoltà Nissan sta regolando i ritmi produzione in modo dinamico.

Renault

Così come il partner Nissan, anche Renault ha previsto che le carenze di approvvigionamento dureranno fino alla metà del 2022. L’amministratore delegato dell’azienda, Luca de Meo, ha detto che darà la priorità alla produzione di veicoli a più alto margine.

Stellantis

Stellantis ha firmato un accordo con l’azienda elettronica taiwanese Foxconn per progettare una nuova famiglia di semiconduttori da implementare nelle quattro piattaforme di veicoli elettrici del gruppo. In base all’intesa, Foxconn fornirà più dell’80% dei semiconduttori di Stellantis.

Con Foxconn, puntiamo a creare quattro nuove famiglie di chip che copriranno oltre l’80% delle nostre esigenze di semiconduttori, contribuendo a modernizzare significativamente i nostri componenti, ridurre la complessità e semplificare la catena di approvvigionamento. Questo aumenterà anche la nostra capacità di innovare più velocemente e costruire prodotti e servizi ad un ritmo rapido” – si legge in una dichiarazione.

L’accordo dovrebbe permettere di supportare la crescita di Stellantis, che è diventato il produttore più venduto in Europa a novembre, superando il Gruppo Volkswagen per la prima volta dalla sua nascita.

Toyota

Toyota continuerà a fermare la produzione in molte delle sue fabbriche giapponesi, poiché le attività de suoi fornitori di componenti sono state interrotte a causa di Covid-19.

La produzione del SUV Land Cruiser e di diversi modelli Lexus sarà colpita, con 14.000 veicoli che dovrebbero essere tagliati. Gli stop sono stati causati da un “tasso di partecipazione più basso presso i fornitori nel sud-est asiatico a causa del respread di Covid-19 e della situazione logistica stretta in Giappone“, ha detto Toyota in una dichiarazione.

L’azienda auspica comunque che saranno prodotti tra 850.000 e 900.000 veicoli per la distribuzione mondiale, con una flessione del 15% dal suo obiettivo di produrre un milione di veicoli.

Gruppo Volkswagen

La produzione nello stabilimento Volkswagen di Emden in Germania è in attesa per il resto dell’anno a causa di una carenza di microchip e componenti elettronici. La produzione riprenderà il 10 gennaio.

Ricordiamo anche come, complessivamente, sarà perso un ammontare pari a 70 giorni lavorativi a causa del lavoro ad orario ridotto.

Volvo

Volvo ha affermato che la situazione con i fornitori è migliorata dopo l’annuncio del suo report trimestrale, il mese scorso. Sebbene l’offerta sia ancora inferiore ai livelli pre-pandemici, il produttore svedese ha detto che la produzione è “migliorata di mese in mese” dallo scorso settembre.

Parlando dei risultati del terzo trimestre dell’azienda, il CEO di Volvo Håkan Samuelsson ha detto che “la produzione è stata di circa 50.000 auto più bassa nel trimestre rispetto allo stesso periodo del 2020, mentre le vendite nel periodo sono diminuite di circa 30.000 auto in quanto il calo dei volumi di produzione è stato compensato da una riduzione delle scorte”.

Lascia un commento