Il Maggiolino ritorna con il restomod Milivie 1

Poche le informazioni tecniche. Ci sarà un motore a quattro cilindri da 2,28 litri di cubatura

20 Giugno 2022

Redazione - Autore

Saresti disposto a spendere quasi 600mila euro per un Maggiolino Volkswagen? Probabilmente la risposta sarebbe negativa. Ma forse il nuovo restomod di Milivie relativamente al Beetle tedesco, potrebbe almeno incuriorti nel continuare la lettura.

La vettura, nata dall’ingegno del tedesco Jonathan Engler, verrà realizzata in soli 22 esemplari e prenderà il nome di Milivie 1. Al momento esistono solo dei rendering, ma le consegne partiranno da luglio 2023, con tutte le 22 auto completate e consegnate entro maggio 2025.

Cosa c’è sotto?

Le poche informazioni di progetto riferiscono che sotto il cofano prenderà posto un motore realizzato specificatamente. Un quattro cilindri da 2,28 litri di cubatura, caratterizzato da un blocco in magnesio/alluminio.

Alla faccia dell’elettrico ci sarà anche un carburatore a comando elettronico. Il livello di performance non è stato menzionato. Il cambio proviene da una Porsche 911 Carrera e si potrà comandare utilizzando i paddle montati sul volante. Questi, tra l’altro, sono anche adattati alle specifiche esatte del cliente. Il telaio originale del Maggiolino rimane, ovviamente completamente restaurato.

Il comparto sospensioni prevede nuove molle e ammortizzatori che si trovano proprio accanto a nuovi freni molto più grandi. Le pinze monoblocco del Milive 1 sono a 6 pistoni all’anteriore e a 4 pistoni al posteriore. I cerchi da 19 pollici hanno un design decisamente simile a quello dell’Alfa Romeo Giulia.

Il design esterno è molto simile a quello di un classico Maggiolino Volkswagen, con alcuni tocchi moderni. Ciò include lo splitter anteriore con marchio Milivie e la coda d’anatra simile alle “vecchie” Porsche 922 sul retro, oltre a nuove luci, maniglie delle portiere e specchietti. All’interno ci saranno due schermi da 12,3 pollici. Ci saranno pure quattro sedili avvolgenti in carbonio riscaldati.

Lascia un commento