Blind Spot e Blind Spot Assist cosa sono

Consente di evitare potenziali incidenti con altri veicoli, ciclisti e pedoni, che sopraggiungono da dietro

3 Giugno 2022

Roberto Rais - Autore

Il Blind Spot Assist è uno strumento di monitoraggio dell’angolo cieco, un sistema di sicurezza molto diffuso nelle auto di nuova generazione, che permette a chi guida di tenere sotto controllo la zona laterale della vettura che non è coperta dallo specchietto.

In altri termini, l’utilizzo corretto del Blind Spot Assist consente di evitare potenziali incidenti con altri veicoli, ciclisti e pedoni, che sopraggiungono da dietro rimanendo fuori dal campo visivo dell’automobilista.

Cos’è il Blind Spot

Il Blind Spot è un sistema tecnologico che monitora ciò che l’occhio del pilota non può scorgere, nemmeno con l’ausilio degli specchietti retrovisori. Si tratta infatti di un dispositivo che si focalizza su un’area che non è altrimenti possibile visualizzare, e che tramite videocamere e radar riesce a intercettare eventuali pericoli mediante allarmi sonori, vibrazioni del volante o alert visivi sullo specchietto.

Il sistema di norma si attiva nel momento in cui la velocità  del mezzo supera un limite inferiore (generalmente, 15 o 20 km/h) o quando si innesta la retromarcia.  

Come evitare il Blind Spot

Ciò premesso, e prima di occuparci di quali siano i migliori strumenti elettronici contro il Blind Spot, non possiamo non rammentare come buona parte delle auto oggi in circolazione non disponga di dispositivi tecnologici che possono evitare incidenti e altre sgradevoli conseguenze. Ma come evitare gli angoli ciechi?

Esistono diversi accorgimenti che possono aiutare a ridurre i rischi relativi agli angoli ciechi. Proviamo a sintetizzarli:

  1. Sedile: regolare correttamente il sedile permette di disporre della migliore manovrabilità e visibilità;
  2. Specchietti retrovisori: evidentemente, regolare correttamente gli specchietti retrovisori laterali permetterà di evitare l’angolo cieco. È fondamentale impostare gli specchietti retrovisori laterali affinché essi permettano di avere una visione periferica, vedendo la parte posteriore del proprio veicolo. Lo specchietto centrale deve invece essere ben centrato sul lunotto posteriore;
  3. Indicatori di direzione: l’uso degli indicatori di direzione (frecce) è fondamentale per segnalare al veicolo che ci precede che stiamo cambiando direzione;
  4. Testa: può sembrare banale, ma la nostra testa è certamente lo strumento più importante per evitare il Blind Spot e i rischi che conseguono. Se dunque non riesci a vedere un particolare angolo, prova a muovere la testa avanti e indietro fino a quando non hai una visione completa intorno a te.

Strumenti elettronici contro il Blind Spot

Chiarito come comportarsi se non si ha un sistema di information sul Blind Spot è bene rammentare come nelle auto di nuova generazione esistano degli strumenti elettronici particolarmente sofisticati contro il Blind Spot, costituiti da telecamere integrate negli specchietti laterali e radar di sicurezza.  Proviamo a capire come funzionano, in maggior dettaglio.

Sensore angolo cieco: come funziona

Il BLIS (Blind Spot Information System) è un sistema di sensori che permette al veicolo di comprendere se altri veicoli, pedoni o ostacoli di diversa natura si stanno avvicinando rischiando la collisione con la propria auto. Se il sistema rileva l’avvicinamento di un ostacolo, allora avverte il guidatore mediante una serie di segnali acustici o luminosi, permettendo così al conducente di avere una maggiore consapevolezza di quello che avviene intorno a sé.

Montaggio sensori angolo cieco

Se la propria auto non è dotata di sistemi di monitoraggio per l’angolo cieco, è sempre possibile integrare questo ADAS: bisognerà però condurre il proprio veicolo in un centro specializzato che possa effettuare il necessario intervento di integrazione dei sensori e del radar.

Inoltre, come ogni dispositivo elettronico di assistenza alla guida, anche quello contro il punto cieco necessita di essere periodicamente revisionato. Per far ciò è generalmente sufficiente portare l’auto per una messa a punto a cadenze regolari presso un’officina autorizzata (quella del proprio concessionario o un’altra che sia in grado di intervenire sui sistemi elettronici dell’auto in oggetto), e domandare che all’interno della revisione sia effettuato un controllo anche sui sensori per l’angolo cieco.

Naturalmente, ancora prima dell’appuntamento con la revisione, ricordiamo quanto sia molto importante intervenire in un’ottica di controllo se il conducente dovesse rendersi conto che qualcosa non va con il proprio BLIS, come ad esempio avviene con una segnalazione errata di ostacolo.

FAQ – Blind Spot Assist

Cos’è il Blind Spot Assist?È un sistema di assistenza che aiuta il conducente a intercettare ostacoli e pericoli negli angoli ciechi di cui non può avere diretta visione.
Come funziona il Blind Spot Assist?Si tratta di un insieme di sensori e videocamere che migliorano la consapevolezza del conducente durante le fasi di manovra e parcheggio, informandolo con segnali luminosi, acustici e tattili dell’avvicinarsi di un oggetto.
Si può fare a meno del Blind Spot Assist?Considerato che non tutte le auto sono dotate di questi sistemi di assistenza, è pur sempre possibile correre ai ripari preventivi sistemando correttamente specchietti e sedile, e aiutandosi con gli indicatori di direzione e… la cautela!
Bisogna monitorare i sensori di angolo cieco?Come ogni dispositivo elettronico, è consigliabile effettuare una periodica revisione dei sensori di angolo cieco.

Lascia un commento