Dove posso posizionare la targa?

Che cosa dice il Codice della Strada sul posizionamento della targa? Scopriamo insieme come è regolamentato questo aspetto dell'auto.

auto targa prova
31 Marzo 2023

Roberto Rossi - Autore

Non tutti gli automobilisti e i motociclisti sanno che la legge prevede delle regole ferree per il posizionamento della targa.

Considerato che il mancato rispetto della normativa può esporre a sanzioni anche particolarmente rilevanti, cerchiamo di capire che cosa preveda l’attuale quadro normativo in merito al posizionamento delle targhe di immatricolazione.

Posizionamento delle targhe: cosa dice il Codice della Strada

In primo luogo, ricordiamo che il Codice della Strada prevede che gli alloggiamenti delle targhe debbano presentare una superficie piana, di ampiezza utile per contenere la targa cui sono destinati.

Vengono dunque precisate delle dimensioni specifiche e delle collocazioni per diversi tipi di targhe:

  1. targhe di immatricolazione anteriori degli autoveicoli: 360×110 mm con posizionamento sul lato anteriore dei veicoli;
  2. targhe di immatricolazione posteriori degli autoveicoli: formato A da 520×110 mm con posizionamento sul lato posteriore dei veicoli o formato B da 297×214 mm con posizionamento sul lato posteriore dei veicoli;
  3. targhe ripetitrici per veicoli trainati da autoveicoli: formato A da 486×109 mm con posizionamento sul lato posteriore dei veicoli o formato B da 336×202 mm con posizionamento sul lato posteriore dei veicoli;
  4. targhe di immatricolazione dei rimorchi degli autoveicoli, dei rimorchi agricoli, delle macchine operatrici trainate; targhe EE per autoveicoli e loro rimorchi comprese quelle ripetitrici: 340×109 mm con posizionamento sul lato posteriore dei veicoli;
  5. targhe di immatricolazione delle macchine agricole semoventi, delle macchine operatrici semoventi; targhe ripetitrici delle macchine agricole semoventi e delle macchine operatrici semoventi; targhe EE per motoveicoli: 165×165 mm con posizionamento sul lato posteriore dei veicoli.

Si tenga in tal proposito conto che quando la legge consente la scelta tra due formati (A e B), l’opzione per il formato B è in realtà subordinata a quella del formato A. In altri termini, il formato B è destinato esclusivamente agli autoveicoli il cui alloggiamento targa non consente l’installazione della targa formato A.

TargaStraniera

È possibile spostare la targa anteriore di lato?

Molti automobilisti – soprattutto tra gli appassionati di auto sportive – si domandano se sia possibile spostare la targa anteriore di lato.

Ebbene, per fornire una risposta puntuale e univoca a questo dilemma è sufficiente ancora una volta richiamare alla mente quanto stabilito dal Codice della Strada in tal proposito.

Premettiamo che le regole sulla posizione della targa posteriore nel senso della larghezza prevedono che la linea verticale mediana non possa trovarsi più a destra del piano di simmetria longitudinale del veicolo e in ogni caso, nei veicoli trainati, debba essere assicurata una congrua distanza tra la targa d’immatricolazione e la targa ripetitrice.

È dunque previsto che il bordo laterale sinistro della targa non possa trovarsi più a sinistra del piano verticale parallelo al piano longitudinale di simmetria del veicolo e tangente al luogo in cui la sezione trasversale del veicolo, larghezza fuori tutto, raggiunge la sua dimensione massima.

La norma disciplina poi la posizione della targa rispetto al piano longitudinale di simmetria del veicolo: la targa deve essere perpendicolare o sensibilmente perpendicolare al piano di simmetria longitudinale del veicolo.

Ancora, è previsto che la targa posteriore sia verticale con un margine di tolleranza di 5° ma che nella misura in cui la forma del veicolo lo richiede, possa essere anche inclinata rispetto alla verticale di un angolo non superiore a 30°, se la superficie recante i caratteri alfanumerici è rivolta verso l’alto e a condizione che il bordo superiore della targa non disti dal suolo più di 1,20 m; o di un angolo non superiore a 15°, quando la superficie recante il numero di immatricolazione è rivolta verso il basso e a condizione che il bordo superiore della targa disti dal suolo più di 1,20 m.

Insomma, come risulta evidente dalle righe di cui sopra, mentre la legge prevede regole più specifiche sul posizionamento della targa posteriore, prevede minori dettagli per quella anteriore.

Ne consegue che, nel silenzio, si può ipotizzare lo spostamento della targa ma a patto che il “nuovo” alloggiamento della targa sia ammesso dalle caratteristiche costruttive del veicolo.

Lascia un commento