I migliori rimedi per rimuovere i graffi dall’auto

Per rimuovere i graffi dalla vostra auto non sempre è necessario l'intervento di un professionista. Oggi vi presentiamo alcuni semplici rimedi per poter ripristinare la bellezza e l’uniformità della vostra carrozzeria.

26 Gennaio 2021

Roberto Rais - Autore

I graffi sull’auto costituiscono uno dei peggiori inestetismi che il proprietario di un veicolo possa trovarsi a dover fronteggiare, considerato che tutti noi vorremmo poter disporre di un’auto dalla carrozzeria immacolata e che molti graffi auto sono piuttosto profondi e tenaci, impedendo così una pronta riparazione.

Purtroppo, oltre ad essere un danno piuttosto fastidioso da gestire, i graffi sull’auto sono anche molto comuni. È sufficiente una disattenzione, come sfiorare la carrozzeria con le chiavi o con un oggetto appuntito, per lasciare uno sgradito ricordo su di essa. E che dire di un parcheggio mal riuscito, con l’auto che striscia su un oggetto in ferro? O, ancora, di qualche atto vandalico?

Insomma, sia per responsabilità del conducente, sia per colpa di altri, i graffi sull’auto sono una temibile costante. 

Ma come togliere i graffi sull’auto? Che cosa si può fare per poter ripristinare la bellezza e l’uniformità della nostra carrozzeria? Bisogna sempre portare l’auto da un carrozziere o possiamo togliere i graffi dell’auto da soli? E in quali circostanze?

Considerato che si tratta di un tema davvero molto dibattuto, non potevamo certamente esimerci dall’affrontarlo con una guida completa che ti consigliamo di leggere!

Graffi auto nuova: quali sono le cause?

Cominciamo con una piccola premessa: i graffi sull’auto nuova o sull’auto usata sono molto frequenti perché le cause che potrebbero portare alla loro emersione sono numerosissime!

D’altronde, la carrozzeria dell’auto è un elemento sempre esposto a ogni tipo di minaccia esterna, e proteggere questo componente del veicolo da ogni possibile rischio è molto difficile.

I graffi sull’auto possono infatti comparire perché:

  • durante un parcheggio abbiamo accidentalmente urtato un’altra vettura o un altro ostacolo;
  • abbiamo accidentalmente raschiato le chiavi o il nostro orologio sulla portiera mentre stavamo per aprirla;
  • un sasso, un chiodo o altro oggetto di piccole dimensioni ha impattato sulla carrozzeria mentre percorrevamo la strada;
  • abbiamo rimosso la neve depositata sull’auto con troppa foga;
  • qualche vandalo ha ben pensato di sfogare la propria delinquenza sulla nostra auto.

L’elenco potrebbe purtroppo continuare ancora a lungo: quel che rileva, ai fini del nostro odierno approfondimento, è che per buona parte dei graffi auto puoi agire in autonomia nel cercare di rimuoverli con efficacia, mentre per altri non potrai che ricorrere all’ausilio di un carrozziere.

Vediamo dunque, passo dopo passo, come agire!

Lava l’auto e valuta i danni reali 

Per comprendere se e come rimuovere i graffi auto da soli bisogna prima di tutto lavare la carrozzeria. Solamente in questo modo potrai infatti renderti conto della natura e della gravità dei graffi presenti e potrai altresì rimuovere detriti e sporcizia senza correre il rischio di graffiare ulteriormente la tua vettura nel momento in cui procederai con i metodi di cui sotto. 

Una volta che la carrozzeria sarà pulita potrai procedere con la valutazione del danno. Evidentemente, l’ideale sarebbe avere solo graffi superficiali e poco profondi, che possano permetterti di arrivare alla risoluzione del problema in modo rapido e completamente autonomo.

Se infatti il danno sarà superficiale, potrai effettuare la rimozione del graffio da solo, fai-da-te, con dei prodotti che puoi trovare facilmente in commercio come la pasta abrasiva.

Se il danno è invece molto più profondo, non potrai far altro che condurre il tuo veicolo da uno specialista.

Usare la pasta abrasiva per rimuovere graffi poco profondi

Cominciamo dall’ipotesi meno grave: il graffio della tua auto è poco profondo, perché la carrozzeria è stata intaccata solamente in superficie. 

In questo caso sei relativamente fortunato. Tutto ciò che dovrai fare per poter ripristinare la bontà della tua carrozzeria sarà infatti acquistare un prodotto per rimuovere i graffi dell’auto, come la pasta abrasiva.

Il nostro suggerimento è in questo caso di acquistare una pasta abrasiva apposita per i graffi dell’auto, evitando dunque di ripiegare su prodotti poco costosi che possono essere utilizzati per qualsiasi tipo di situazione e che, spesso, celano anche scarsa qualità.

Una volta che ti sarai procurato la pasta abrasiva che fare per te, procedi come sopra abbiamo già avuto modo di introdurre, lavando attentamente la superficie che è stata graffiata e applicando in seguito la pasta abrasiva aiutandoti con un panno morbido. Il prodotto dovrà essere passato con movimenti circolare e delicati, per qualche secondo. 

Prendi poi un secondo panno per poter rimuovere la pasta abrasiva e, infine, un terzo panno umido per poter pulire la superficie interessata. 

Fin qui, tutto bene. Il rischio è però – soprattutto se agirai con particolare forza – di ritrovarti una carrozzeria comunque danneggiata: le paste abrasive tolgono infatti i graffi superficiali e, con essi, anche la finitura lucida di alcune carrozzerie metallizzate. Dunque, dovrai scendere a compromessi, sapendo che rimuovendo il graffio correrai il rischio di opacizzare la carrozzeria (ma anche in questo caso – come vedremo – c’è ben più di qualcosa che potrai fare!).

Riparazione con vernice e pennello

Un altro metodo per poter riparare i graffi dell’auto da solo è quello di aiutarti con una vernice e con del pennello. Anche in questo caso, però, rivolgiamo questo metodo solo nei confronti di chi deve gestire dei graffi poco profondi e poco ampi, perché altrimenti il danno potrebbe essere impossibile da ripristinare con questo approccio.

Si tratta altresì di un metodo più complesso e delicato rispetto al primo che ti abbiamo presentato: dovrai infatti essere in grado di trovare una vernice che sia dello stesso colore della carrozzeria. Non sempre è semplice, ma aiutandoti leggendo l’etichetta delle principali informazioni contenuta nella vettura e andando in un negozio specializzato, potrai trovare il prodotto più utile (certo, non ti garantiamo che sia proprio il più economico!).

Dunque, prendi un pennello sottile e inizia ad applicare la vernice, coprendo le parti di carrozzeria che sono state graffiate. Dovrai agire con un po’ di pazienza e di attenzione ma, se avrai fatto tutto con la dovuta calma, dovresti essere stato in grado di arrivare a un buon risultato finale.

Rimuovere i graffi auto con il polish

Più recentemente anche sul mercato italiano si sono diffusi degli ottimi prodotti come il polish graffi, ovvero dei composti ibridi tra una pasta abrasiva tradizionale e una cera lucidante, che consentono di arrivare a rimuovere i graffi sull’auto più superficiali e poco profondi.

L’utilizzo di questi prodotti è molto semplice e per certi versi non mostra difformità rispetto a quelle che sono le indicazioni che potresti seguire per poter applicare della cera abrasiva.

Lava pertanto la parte di carrozzeria che è stata interessata dai graffi, applica il polish con un panno o con del cotone e passa delicatamente sulla superficie interessata.

Lucidatura finale per un risultato impeccabile!

Fin qui abbiamo avuto modo di riassumere alcuni dei principali procedimenti che ti permetteranno di rimuovere i graffi superficiali dalla carrozzeria dell’auto

Tuttavia, se vuoi ottenere un risultato finale davvero eccezionale, non potrai certamente rinunciare alla lucidatura dell’auto. Ma perché?

Ne abbiamo già parlato in precedenza e, se hai fatto un po’ di attenzione, dovresti poter intuire facilmente che cosa stiamo per dirti: l’applicazione di una pasta abrasiva o di un polish per graffi auto rischia di lasciare aloni e opacità sulle parti della carrozzeria che sono state interessate da questo trattamento.

Dunque, è sempre consigliabile, al fine del processo di abrasione, procedere con la lucidatura della parte di carrozzeria interessata dall’abrasione, andando in questo modo a rendere più uniforme il colore della superficie trattata.

Lascia un commento