Toprak Razgatlioglu, pronto un test ufficiale con Yamaha MotoGP

Toprak Razgatlioglu sembra pronto a prendere parte a una serie di test ufficiali alla guida di una Yamaha di MotoGP.

Toprak Razgatlioglu
4 Gennaio 2022

Raffaele Sarnataro - Autore

Toprak Razgatlioglu compie un altro piccolo passo verso la MotoGP. Il campione del mondo del WorldSBK 2021 potrebbe sostenere un test con la Yamaha.

Il motociclista turco si muoverà in base agli impegni e alle date del campionato Superbike, con l’obiettivo di poter sostenere un test ufficiale con la moto giapponese. Toprak ha già confermato che prenderà parte a test privati alla guida di una M1, insieme al collaudatore dell’azienda Cal Crutchlow.

Toprak Razgatlioglu si avvicina alla MotoGP

Toprak Razgatlioglu potrebbe così sostenere un test ufficiale, secondo quanto auspicato anche dal suo manager, Kenan Sofuoglu. Ecco cosa ha detto durante un’intervista rilasciata a Speedweek.com: “Stiamo programmando un test privato e pensiamo di prendere parte a una prova ufficiale, in base al nostro calendario. Non abbiamo confermato alcun appuntamento, ma auspico che Toprak salirà su una MotoGP in questo inverno”.

Il turco potrebbe essere presente a Sepang o a Mandalika in occasione dei test pre-stagionali. In tali casi, il passaggio alla MotoGP potrebbe davvero avvicinarsi alla realtà. D’altronde, si parla già da tempo di un suo avvento nei prototipi motociclistici a partire dal 2023.

Si pensava che il vero obiettivo di Razgatlioglu fosse quello di confermare il titolo del mondiale Superbike e restare tra le derivate di serie il più a lungo possibile. A tal proposito, ha firmato un’estensione del contratto con il team Yamaha Pata fino al 2023.

Ad ogni modo, sia Toprak che il team principal Paul Denning hanno lasciato trasparire l’ipotesi che il turco possa esordire in MotoGP prima della scadenza naturale del contratto. I test non fanno altro che confermare questa possibilità. Nel frattempo, la sua attenzione è rivolta a un nuovo possibile duello con il portacolori della Kawasaki Jonathan Rea.

Lascia un commento