Home » Formula 1 » Silverstone, Carlos Sainz vince una gara folle. Leclerc, scelta fatale

Silverstone, Carlos Sainz vince una gara folle. Leclerc, scelta fatale

NORTHAMPTON, ENGLAND - JULY 03: Race winner Carlos Sainz of Spain and Ferrari celebrates on the podium during the F1 Grand Prix of Great Britain at Silverstone on July 03, 2022 in Northampton, England. (Photo by Joe Portlock - Formula 1/Formula 1 via Getty Images)

A Silverstone è successa qualsiasi cosa e senza che il meteo c’abbia messo lo zampino. Incidenti spaventosi, bandiere rosse, sorpassi su sorpassi, forature, ribaltoni clamorosi e l’ennesima gara gettata alle ortiche da Charles Leclerc a causa delle scelte dei box. Carlos Sainz coglie il primo successo della sua carriera, interrompe un digiuno troppo lungo per una macchina così forte come questa Ferrari e lo fa al termine di una gara che è uno spot per la Formula 1. Dietro lo spagnolo, secondo Sergio Perez e terzo un supercombattivo Lewis Hamilton. Solo quarto Leclerc, che a dieci giri dalla fine stava viaggiando verso una comodissima vittoria. Settimo Max Verstappen, alle prese con una foratura che ha danneggiato anche il fondo della macchina.

Autoscontro

Il via è un autoscontro e un batticuore, anzi il cuore che si ferma in un’apnea lunghissima. La considerazione tecnica è che al verde Carlos Sainz viene bruciato da Max Verstappen e Charles Leclerc da Lewis Hamilton. E così le Ferrari da prima e terza si ritrovano seconda e quarta. Tutto, però, pasa in secondo piano perché s’innesca un autoscontro clamoroso. I danni peggiori li ha Guanyu Zhou con la sua Alfa Romeo che si gira e rigira, dopo aver fatto perno sulla Mercedes di George Russell. Incidente clamoroso, scintille e cuori sospesi. Nel botto vengono coinvolti anche Alexander Albon, Esteban Ocon e Yuki Tsunoda.

Zhou Guanyu of China Alfa Romeo F1 and George Russell of Great Britain and AMG Petronas F1 crash their cars during the race of the F1 Grand Prix of Great Britain at Silverstone on July 3, 2022 in Northampton, United Kingdom. (Photo by Jose Breton/Pics Action/NurPhoto via Getty Images)

Tensione pura

Bandiera rossa immediata, gara sospesa e minuti lunghissimi, soprattutto per le condizioni del pilota cinese. Le prime comunicazioni arrivano dopo una mezzoretta, via radio dalla Direzione di gara. Zhou sta bene e questa è la cosa principale. Dopo quindici giri di lancette,  altra rassicurazione: pilota cosciente, non ha fratture e sospirone di sollievo collettivo annesso ad una considerazione ulteriore sulla sicurezza delle monoposto: se con un incidente così grave non vi è nessun danno considerevole per il pilota, la strada imboccata per la sicurezza è decisamente quella giusta. Si sapeva, ma bene ricordarselo ogni volta.    

Lezione

Si riparte dopo un’ora. E le Ferrari recepiscono al volo la lezione con Sainz che parte durissimo su Verstappen, lo chiude verso il muro. L’olandese cede e la rossa numero cinquantacinque si riprende la posizione persa nella prima partenza. Stesso discorso per Leclerc, indiavolato, che brucia Hamilton e passa anche Perez, con cui entra in collisione. Il monegasco dopo pochi secondi ci prova anche su Verstappen. Il campione iridato si difende e conserva. Perez con l’ala danneggiata è costretto a fermarsi, mentre la Ferrari numero sedici continua, incollata a Verstappen.  

Colpo (di scena) su colpo

Attorno al decimo giro, però, l’olandese comincia a martellare giri buoni e pressare Sainz. Che sbaglia, finendo leggermente lungo e consentendo a Max di passare. Classico esempio di inizio stagione per il Cavallino: errorino imperdonabile. Però la fortuna, per una volta, guarda in direzione di Binotto. Max fora, centrando un detrito, viene superato dalle rosse e deve rientrare al box per un cambio gomme. Il problema non sembra risolto e nel team radio l’olandese dice: “La macchina è rotta al cento per cento”, e pare essere un problema al fondo. Ferrari alla guida del Gran Premio con Leclerc, secondo, che comincia ad aprirsi col muretto, sottolineando più o meno sommessamente di essere più veloce del compagno di squadra. Altra patata bollente.

Scenari

Il box Ferrari “suggerisce” un passo da tenere a Sainz. Lo spagnolo poi rientra ai box per primo, nel terzetto (con Leclerc e Hamilton) che potrebbe giocarsi la gara. Il secondo a fermarsi è Charles che rientra alle spalle dello stesso spagnolo. Hamilton diventa leader. A Silverstone, che storia. Nel frattempo Sainz lascia passare Leclerc, letteralmente scatenato, con Lewis che rimane fuori ad libitum per tentare di rosicchiare tempo e rimanere davanti a prescindere dal pit. Operazione che non riesce al sette volte campione e nemmeno di poco, con le rosse davanti di tre secondi abbondanti al 34° giro dei 52. Nuovo cambio di scenario.

NORTHAMPTON, ENGLAND – JULY 03: Carlos Sainz of Spain driving (55) the Ferrari F1-75 ahead of Charles Leclerc of Monaco driving (16) the Ferrari F1-75 during the F1 Grand Prix of Great Britain at Silverstone on July 03, 2022 in Northampton, England. (Photo by Bryn Lennon – Formula 1/Formula 1 via Getty Images)

Non è finita

Quando la situazione sembra cristallizzata verso una doppietta Ferrari, ecco il colpo di scena. La Alpine di Esteban Ocon si ferma in una posizione pericolosa e deve entrare la Safety Car per consentire alla vettura del francese di essere rimossa. Tutti quelli in testa ne approfittano per un passaggio ai box e montare le soft, non Leclerc. Altra scelta completamente inspiegabile del muretto Ferrari e altre polemiche in arrivo. E infatti quando esce Sainz immediatamente sorpassa il compagno di team, che da dietro vede arrivare addirittura Perez. E quando Leclerc viene attaccato dal messicano, Hamilton addirittura li passa entrambi. Sono giri frenetici, totalmente folli con una lotta feroce di sorpassi e controsorpassi tra il monegasco e l’inglese.

Ferrari double-face

Il finale è una passerella per Carlos Sainz con Perez leggermente troppo distante per qualsiasi volo di fantasia. Hamilton può congelare il podio, mentre Leclerc è costretto a difendersi addirittura da Alonso. Ad un certo punto, con Verstappen quasi fuori dalla zona punti, sembrava addirittura potersi materializzare il cappotto, la massima rimonta possibile in una gara. E invece, con l’olandese settimo in volata su Schumacher (primi punti in carriera per lui, ottavo), la situazione rimane invariata. Altra grandissima occasione persa. Vince Sainz, alla centocinquantesima in Formula 1 arriva la prima gioia dopo la prima pole. E che gioia. Chapeau.      

   

GP di Gran Bretagna 2022: l’ordine di arrivo

POSPILOTANAZ.TEAMTEMPO
1Carlos SainzESPFerrari1:34:05.941
2Sergio PerezMEXRed Bull+3.779
3Lewis HamiltonGBRMercedes+6.225
4Charles LeclercMONFerrari+8.546
5Fernando AlonsoESPAlpine +9.571
6Lando NorrisGBRMcLaren+11.943
7Max VerstappenNEDRed Bull+18.777
8Mick SchumacherGERHaas +18.995
9Sebastian VettelGERAston Martin+22.356
10Kevin MagnussenDENHaas +24.590
11Lance StrollCANAston Martin+26.147
12Nicholas LatifiCANWilliams +32.511
13Daniel RicciardoAUSWilliams +32.817
14Yuki TsunodaJPNAlphaTauri+40.910
15Esteban OconFRAAlpineOUT
16Pierre GaslyFRAAlphaTauriOUT
17Valtteri BottasFINAlfa RomeoOUT
18George RussellGBRMercedesOUT
19Guanyu ZhouCHNAlfa Romeo OUT
20Alexander AlbonTHAWilliamsOUT