Le batterie delle elettriche potrebbero durare più di quanto pensassimo

Uno studio americano rivela che il degrado delle batterie delle auto elettriche non è così rapido come molti temono

Battery MG4 Electric
28 Marzo 2023

Andrea Spitti - Autore

Visto che le auto elettriche esistono da relativamente poco tempo, in molti pensano che le loro batterie possano degradarsi rapidamente, un po’ come accade per quelle degli smartphone. Si tratta di un timore comprensibile, visto quanto può costare sostituire una batteria usurata. Tuttavia un recente studio sul degrado delle batterie dei veicoli elettrici dimostra che queste durano più di quanto si stimasse inizialmente.

La verità è che non possiamo ancora sapere quanto durino effettivamente le batterie di un’auto elettrica. Il modo migliore per valutare quando una batteria comincia a degradarsi è osservare l’apparente perdita di autonomia nelle vetture oggi in circolazione. Tuttavia anche questo può rivelarsi complicato, visto che la maggior parte delle auto elettriche è sulle strade da meno di 6 anni, e quasi 1 su 3 è stata venduta nel 2022.

Lo studio

Ciò che possiamo sapere al momento è che le batterie durano sicuramente più di quanto ormai sono sul mercato. Recurrent Auto ha analizzato i dati di 15.000 proprietari di veicoli elettrici per compilare uno degli studi sulle batterie più completi mai realizzati fino a oggi. Ciò che emerge è che le sostituzioni della batteria nei veicoli elettrici sono estremamente rare: infatti solo l’1,5% degli intervistati ha dovuto sostituire la batteria al di fuori della garanzia.

La maggior parte di queste sostituzioni riguardavano le Nissan Leaf più vecchie, che hanno contribuito a diffondere la leggenda della batterie inaffidabili. Nissan ammise che le prime unità della Leaf utilizzavano una chimica della batteria imperfetta, che poi è stata modificata. Una volta risolta questa problematica, le batterie della Leaf si sono dimostrate tra le più durature sul mercato, mostrando un degrado pressoché nullo.

Lo studio ha analizzato il degrado di 13 veicoli elettrici, tra cui Tesla Model S, 3 e Y, Chevrolet Bolt, Hyundai Kona e Ioniq 5 e Ford Mustang Mach-E. Tra i risultati dello studio si scopre che il degrado della batteria non è lineare. Il degrado maggiore si verifica nei primi 32.000 km e poi si stabilizza intorno ai 160.000 km.

Vista la giovane età media dei veicoli elettrici, non ci sono ancora dati sufficienti per valutare il degrado su un chilometraggio più elevato. Però, le auto che hanno superato i 150.000 km possono vantare ancora la maggior parte della loro autonomia originaria. Gli esperti ritengono che i moderni sistemi di gestione della batteria e le misure per il controllo della temperatura abbiano notevolmente migliorato la longevità dei pacchi batteria a bordo delle auto.

Lascia un commento